I piani per una base navale russa sulla costa orientale del Sudan erano stati esaminati da Mosca dal 2017, ma la loro attuazione era stata rinviata a causa di un colpo di stato sostenuto dall’occidente nel paese africano, nell’aprile 2019. Secondo gli esperti di The Military Watch Magazine, La Russia potrebbe pianificare una presenza navale più attiva all’estero aprendo basi aggiuntive in altre regioni strategicamente importanti del mondo.
Alla fine del 2017, Viktor Bondarev, capo del Comitato per la difesa e la sicurezza sotto il Consiglio della Federazione, ha proposto di considerare la ricostruzione di basi a Cuba e in Vietnam, chiamando l’Avana e Hanoi “partner storici” di Mosca sulla base del fatto che entrambi i paesi avevano installazioni militari sovietiche durante la guerra fredda.

A giudicare dai piani recentemente pubblicati, le strutture russe in Sudan ospiteranno 300 militari e civili e quattro navi, comprese quelle a propulsione nucleare. E le basi in Vietnam e Cuba consentirebbero alla Russia di espandere la sua influenza politica militare in regioni strategicamente importanti. Poiché la Federazione Russa sta gradualmente spostando l’equilibrio delle sue forze armate verso l’Asia orientale, il Vietnam, per ragioni storiche, politiche e geografiche, potrebbe diventare una posizione di base ideale.

Segui Vivere Informati anche su Facebook e Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

Credo che nelle condizioni di crescente tensione nel mondo e di aperta ingerenza negli affari interni di altri paesi, partner storici della Russia, il nostro ritorno in America Latina non sia escluso. Certo, questo deve essere coordinato con i cubani … Dobbiamo anche pensare di riportare la nostra flotta in Vietnam con il permesso del governo vietnamita, ha osservato Bondarev.

Secondo la pubblicazione americana, sullo sfondo di frequenti attriti con la NATO e alla luce del rafforzamento del ruolo della Russia sia nella regione Asia-Pacifico che in Sud America, è improbabile che il Cremlino si limiti alla sua presenza militare in Sudan – I piani per creare basi a Cuba e Vietnam potrebbero essere realizzati con il dispiegamento di missili ipersonici e altre armi lì, soprattutto se l’imminente amministrazione statunitense intraprenderà nuovamente un percorso di “rotazione verso l’Asia”.

Fonte: En.topcor.ru, Controinformazione.info

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.