Interpol: ombre e dubbi sul neo presidente emiratino

Interpol: ombre e dubbi sul neo presidente emiratino

Spread the love
Tempo di lettura: < 1 min

Nonostante le proteste il generale degli Emirati Arabi Uniti, Naser Axhmed al Raisi, è stato eletto dall’assemblea generale dell’Interpol come nuovo presidente

Il generale emiratino subentra quindi al coreano Kim Yong Yan, che ha avuto il suo mandato esteso di un anno a causa del Covid, e ha battuto la candidata preferita dall’Ue, Sarka Havrankova, vicepresidente uscente e capo della polizia della Repubblica Ceca. In un editoriale per il quotidiano gestito dal governo di Abu Dhabi, al-Raisi ha affermato di voler “modernizzare e trasformare” l’Interpol, attingendo al “ruolo degli Emirati Arabi Uniti come leader nella polizia tecnologica e costruttore di ponti nella comunità internazionale”. Il neo- presidente inoltre è stato già ispettore generale del ministero degli interni degli Emirati Arabi Uniti, denunciato per tortura in 5 Paesi, tra cui la Francia e la Turchia. Inoltre Raisi è spesso finito nel mirino di organizzazioni umanitarie e internazionali con l’accusa di torture e maltrattamenti a carico di prigionieri politici e dissidenti, tra cui Ahmed Mansoor, ma anche dell’accademico britannico Marc Hedges, accusato di spionaggio nel 2018 e condannato all’ergastolo. Hedges è poi stato graziato su pressione di Londra, mentre Mansoor è ancora in carcere.

Tratto da: Antimafiaduemila

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

Diego, un anno dopo. “Grazie per aver segnato contro i potenti”

Attualità Mondo