Massimo Galli e altri 32 persone, tra cui importanti cariche direttive della Società italiana per le Malattie infettive, accusate per associazione a delinquere, turbativa d’asta e falso in atto pubblico

Massimo Galli e altri 32 persone, tra cui importanti cariche direttive della Società italiana per le Malattie infettive, accusate per associazione a delinquere, turbativa d’asta e falso in atto pubblico

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

Di Agata Iacono

Coinvolte varie università a Milano, la Cattolica, Torvergata e La Sapienza di Roma e l’università degli Studi di Torino. Tra gli indagati importanti cariche direttive della Società italiana per le Malattie infettive e tropicali (Simit), praticamente i tecnici della gestione dell’emergenza covid

Nel nome della scienza divulgata dai virologi cooptati dal sistema mediatico a diffusori dell’unica e sacra verità assoluta, agli italiani è stata negata l’intelligenza del dubbio e la possibilità di informarsi. Sono stati addirittura esclusi dalle TV i portatori di pensiero e razionalità alternative, è stata censurata qualsiasi controinformazione sui social proveniente dai colleghi dei cooptati.

È stata imposta la religione dogmatica ortodossa della “scienza”. Però la ruota gira e tra i sacerdoti che hanno condizionato le nostre vite per quasi due anni c’è sicuramente il virologo del Sacco di Milano, la videostar Massimo Galli, e altri 32 persone accusate per associazione a delinquere, turbativa d’asta e falso in atto pubblico, come da decreto di perquisizione e sequestro eseguito dai carabinieri del Nas. La maxi-indagine sulla nuova concorsopoli lombarda riguarda decine di bandi truccati per l’assegnazione di titoli di professore o ricercatore prevalentemente presso la Statale di Milano, l’università Bicocca e lo stesso ospedale Sacco.

Sotto inchiesta sono finiti professori universitari, dirigenti pubblici e ricercatori.

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

“Il Green pass non serve”. Lo dice una ricerca finanziata dal ministero della Salute

Coinvolte varie università a Milano, la Cattolica, Torvergata e La Sapienza di Roma e l’università degli Studi di Torino. Tra gli indagati importanti cariche direttive della Società italiana per le Malattie infettive e tropicali (Simit), praticamente i tecnici della gestione dell’emergenza covid. Non solo Galli: tra gli indagati pure Massimo Andreoni, ordinario alla Sapienza di Roma, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e primario al policlinico Tor Vergata.

Scrive il Fatto Quotidiano: “Secondo il decreto firmato dalla Procura di Milano, “la situazione che emerge dall’analisi delle conversazioni intercettate è a dir poco sconcertante”. Fin dall’inizio dell’inchiesta “gran parte dei concorsi banditi sono stati oggetto di condotte di addomesticamento. Trattasi di collusioni e altri metodi di turbativa che hanno inquinato sistematicamente la regolarità delle procedure di selezione in esame, sostituendo logiche clientelari al metodo meritocratico e al principio di imparzialità, che dovrebbero orientare le scelte dell’amministrazione pubblica per espresso dettato costituzionale”.

Metodo meritocratico e imparzialità ai “tecnici”, agli esperti, agli autoproclamati sacerdoti della “scienza” ufficiale mancava. Del resto la “scienza” sono loro e sono loro che decidono chi può continuare a divulgarla. Titoli o meriti accademici a parte.

Tratto da: L’Antidiplomatico

Pensi che alle tue amiche e ai tuoi amici possa interessare questo articolo? Condividilo!

Attualità TopNews