Beirut un anno dopo. Nessun colpevole per esplosione al porto e Libano verso guerra civile

Beirut un anno dopo. Nessun colpevole per esplosione al porto e Libano verso guerra civile

Spread the love
Tempo di lettura: 4 min

di Robert Inlakesh*

Alimentato da potenze esterne più interessate a fomentare sentimenti anti-Hezbollah e anti-iraniani che ad aiutare le persone povere, il paese è una polveriera afflitta da corruzione, conflitti economici e divisioni settarie.

Un anno fa, l’orribile esplosione del porto di Beirut ha devastato la capitale del Libano, mietendo oltre 217 vittime e aumentando le tensioni già bollenti in un paese coinvolto in disordini sia politici che economici.

Il disastro del porto di Beirut non è stato purtroppo un caso isolato in Libano, solo il più spaventoso dal punto di vista fisico, con diverse altre esplosioni scoppiate a livello sociale, politico ed economico.

Un anno dopo, invece di essere in grado di raccogliere i pezzi e ricostruire la loro nazione, i libanesi sono stati in realtà lasciati alla mercé degli stessi influencer corrotti interni ed esterni che hanno contribuito a impantanare il loro stato indebitato.

Ad oggi, il Libano non ha un governo formale, il 55% della sua popolazione vive in povertà e ufficialmente la valuta del paese ha perso il 90% del suo valore.

Fino ad ora, non c’è stata alcuna reale responsabilità per i responsabili dell’esplosione, il che significa che le figure che erano consapevoli dei pericoli posti dallo stoccaggio irresponsabile del nitrato di ammonio, la sostanza chimica che si ritiene abbia causato l’esplosione, non sono state punite.

La nota ONG, Human Rights Watch, ha recentemente pubblicato un rapporto, nel quale i loro ricercatori avevano trovato prove consistenti, secondo le quali alcuni funzionari conoscevano i rischi letali coinvolti e hanno tacitamente ignorato il problema.

Anche l’organizzazione per i diritti umani Amnesty International ha accusato le autorità di ostacolare spudoratamente la giustizia. Lynn Maalouf di Amnesty, vicedirettore per il Medio Oriente e il Nord Africa, ha dichiarato: “Le autorità libanesi hanno promesso una rapida indagine; invece hanno sfacciatamente bloccato e ritardato la giustizia in ogni momento”.

Nell’ottobre 2019, i libanesi appartenenti a tutte le varie comunità del paese sono scesi in piazza a seguito dell’imposizione di tasse più elevate su beni come la benzina e persino le chiamate su WhatsApp. Fu poco dopo queste dimostrazioni che l’ economia dello schema ponzi del paese cadde in completo disordine, al di là di ciò che chiunque poteva considerare rianimabile senza l’aiuto straniero.

Stragi, declassificare i documenti su Gladio e P2 non sarà semplice: chi sceglie cosa versare?

 

Le proteste alla fine hanno spinto l’allora primo ministro Saad Harriri a dimettersi dalla sua posizione e questo è stato combinato con le richieste del popolo per un governo tecnocratico.

Dopo l’esplosione al porto di Beirut nel 2020, le manifestazioni sono nuovamente aumentate, con richieste diffuse di responsabilità e riforme. Molti manifestanti hanno cercato di cambiare il sistema confessionale libanese, creato dagli ex occupanti francesi del paese, a cui si attribuiscono le esacerbazioni delle tensioni settarie.

Sfortunatamente, poteri esterni hanno cercato di influenzare l’opinione pubblica in un modo che avrebbe alimentato il settarismo e orientato le critiche del pubblico verso gli Hezbollah libanesi.

Questo sforzo non è ancora riuscito a provocare una tanto temuta guerra civile anti-Hezbollah, in gran parte a causa degli sforzi del Movimento sciita di rimanere fuori dal conflitto e perché non appartiene alla corrotta élite libanese, responsabile di aver messo in ginocchio il paese .

Sebbene siano stati fatti sforzi di soccorso per le persone più colpite dall’esplosione del porto, gli impegni assunti dai leader mondiali per riabilitare il Libano, il più importante dei quali era il francese Emanuel Macron, non sono stati ancora realizzati. Questo, poiché il paese soffre di una crisi del carburante senza precedenti, di una crisi dell’elettricità, di una rapida inflazione e dell’impossibilità di accedere a molti dei fondi dei cittadini dalle banche locali.

recenti omicidi a sud di Beirut hanno anche causato un timore tra molti libanesi, che una guerra civile potrebbe in qualsiasi momento squarciare il paese.

Sabato scorso, nella città di Khaldeh, un membro della comunità beduina sunnita del villaggio ha compiuto un presunto omicidio per vendetta contro un membro di Hezbollah durante un matrimonio.

Il giorno dopo, i beduini sunniti hanno aperto il fuoco al funerale del membro di Hezbollah ucciso, uccidendo tre persone e ferendo diversi passanti. Fortunatamente la situazione si è raffreddata dopo che Hezbollah ha rilasciato una dichiarazione in cui invitava le autorità statali libanesi a risolvere il problema, invece di agire da sola.

Tuttavia, in un paese così gravemente afflitto da corruzione, conflitti economici, divisioni settarie e confinante con un paese, la Siria, sotto sanzioni economiche soffocanti, la prospettiva di una guerra civile è sempre una possibilità – è stata persino evocata dal Segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, che un conflitto così indesiderato potrebbe accadere.

La più grande linea d’azione che deve essere intrapresa a questo punto, da parte delle potenze straniere, è fermare la loro agitazione di tensioni per scopi politici e aiutare veramente il Libano. Ciò significa mettere da parte la loro propaganda anti-Hezbollah e anti-Iran e lavorare per trovare soluzioni per il cittadino libanese medio. Soprattutto, dovrebbe esserci uno sforzo per far rivivere una città che un tempo era chiamata la Parigi del Medio Oriente e che fino a pochi anni fa era ancora una popolare destinazione turistica.

Le azioni egoistiche delle potenze straniere, nonostante il disperato bisogno di aiuti a seguito dell’esplosione del porto di Beirut, hanno finora causato un ulteriore calo del tenore di vita del popolo libanese. Per poter uscire dall’esplosione, le persone devono essere in grado di vivere di nuovo una vita dignitosa e stabile.

Tratto da: L’Antidiplomatico

*Analista politico, giornalista e documentarista che attualmente vive a Londra. Ha raccontato e vissuto nei territori palestinesi occupati e attualmente lavora con Quds News e Press TV. Regista di “Steal of the Century : la catastrofe israelo-palestinese di Trump”. Account Twitter  @falasteen47

Attualità Mondo TopNews