Vertice Russia-Usa a Ginevra: prime considerazione dalla conferenza stampa finale

Vertice Russia-Usa a Ginevra: prime considerazione dalla conferenza stampa finale

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che non c’è stata ostilità nel suo incontro con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e che i colloqui sono stati costruttivi. “Per quanto riguarda la valutazione generale, credo che non ci sia stata alcuna ostilità. Al contrario, il nostro incontro si è certamente svolto in maniera cordiale. Differiamo per molti aspetti nelle nostre valutazioni. Tuttavia, a mio avviso, entrambe le parti hanno mostrato la volontà di capirsi e cercare modi per trovare dei compromessi. L’incontro è stato piuttosto costruttivo”, ha affermato Putin ai giornalisti dopo il vertice Russia-USA tenutosi oggi a Ginevra. Un corrispondente della Tass ha riferito che il vertice Putin-Biden è durato circa 3 ore e mezza.

Sempre nella conferenza stampa finale il presidente Russo ha dichiarato che Mosca e Washington si “capiscono” per quanto riguarda le cosiddette “linee rosse” che non devono essere oltrepassate, anche se questa questione non è stata discussa in dettaglio durante il vertice appena concluso. “In generale, per noi è chiaro di cosa parlano i nostri partner statunitensi e capiscono cosa diciamo quando si tratta di “linee rosse”. Ma devo dire francamente che non siamo arrivati al punto di porre l’accento in dettaglio sulla questione ed esprimerci nel merito in dettaglio”, ha detto Putin in risposta a una domanda. Durante l’incontro bilaterale di Ginevra la Russia e gli Stati Uniti “hanno concordato di lavorare sulla sicurezza informatica e sulla stabilità strategica, nonché di cooperare nell’Artico e su diversi altri temi”. “Tutto questo dovrebbe gradualmente diventare oggetto delle nostre discussioni e, spero, di futuri accordi”.

Putin ha poi affermato che è stato concordato che gli ambasciatori dei due paesi tornino ai loro rispettivi posti di lavoro a Mosca e a Washington. “Per quanto riguarda il ritorno degli ambasciatori ai loro luoghi di lavoro – dell’ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca e, rispettivamente, del russo a Washington, abbiamo convenuto che questo problema è risolto”.

Vivere Informati

Fonte foto: Tass

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

Putin riscrive la legge della giungla geopolitica

Attualità Mondo TopNews