“Gli farò sapere quello che voglio che sappia”: Biden lancia un “avvertimento” a Putin prima dell’incontro

“Gli farò sapere quello che voglio che sappia”: Biden lancia un “avvertimento” a Putin prima dell’incontro

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

In una dichiarazione interpretata da alcuni come un “avvertimento”, il presidente Biden ha dato il via al suo primo viaggio all’estero come leader degli Stati Uniti. Il presidente è atterrato nel Regno Unito mercoledì, in vista di un incontro con il primo ministro Boris Johnson nella giornata di oggi e dell’inizio del vertice del G7 venerdì. Il suo programma nei prossimi giorni sarà abbastanza intenso. Dal G7 in Cornovaglia, Biden si recherà a Bruxelles per un vertice Nato e poi in Svizzera tra una settimana per incontrare il suo omologo russo.

È quest’ultimo impegno forse il più atteso da esperti e giornalisti. Quasi tre anni fa Donald Trump venne accusato da una certa parte della stampa e della politica a stelle e strisce di non aver apparentemente condannato Putin a voce abbastanza alta durante l’incontro a Helsinki. Non si sono fatte attendere invece le dichiarazioni in merito da parte del presidente Biden, ci ricordiamo molto bene come Putin venne, non molto tempo fa, accusato di essere un assassino in diretta televisiva.

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

Le dichiarazioni “da bullo” stonano però con le affermazioni dello stesso presidente fatte nelle ultime ore, Biden ha infatti dichiarato di volere una relazione “stabile e tranquilla” con la Russia, costruita attorno alle “responsabilità” che entrambe le potenze si devono assumere. “Ma sono stato chiaro [che] gli Stati Uniti risponderanno in modo solido e significativo se il governo russo si impegna in attività dannose”, ha aggiunto Biden. Ovviamente saranno gli Stati Uniti di volta in volta a definire se un attività sarà dannosa o meno per i loro interessi. Nel frattempo le parole lasciano lo spazio ai fatti, sebbene gli alleati di Biden nei media statunitensi abbiano descritto il presidente come duro con Putin in realtà ha comunque concesso alla sua controparte russa un’importante opera di politica estera dal suo insediamento: ha rinunciato alle sanzioni sul famoso gasdotto Nord Stream 2. Consentendo così di poter terminare il progetto che collega i giacimenti di gas naturale della Russia ai consumatori europei. L’ex presidente Donald Trump, nonostante le continue accuse in patria di essere “morbido” nei confronti della Russia, aveva bloccato il progetto con oltre un anno di sanzioni. Putin nel frattempo ha descritto Biden come “un uomo esperto, equilibrato e attento” che ha trascorso tutta la sua vita in politica, e ha espresso la speranza che quelle qualità possano avere un effetto positivo sui prossimi negoziati. Il presidente russo ha anche precisato però che non si aspetta che da tale incontro possa nascere una svolta positiva nelle relazione tra i due paesi, visto le continue provocazioni e minacce da parte occidentale.

Vivere Informati

Pensi che alle tue amiche e ai tuoi amici possa interessare questo articolo? Condividilo!

Attualità Mondo Politica TopNews