Nato e Russia sempre più vicine a un conflitto diretto

Nato e Russia sempre più vicine a un conflitto diretto

Spread the love
Tempo di lettura: 5 min

di Maxim Karpenko.

Gli Stati Uniti stanno creando un gruppo multinazionale vicino ai confini russi nel Mar Nero e stanno anche studiando la scena di possibili ostilità nella regione. Lo indica il messaggio del ministero della Difesa russo, riferisce un corrispondente di PolitNavigator.

Il ministero ha sottolineato che si trattava dell’ingresso nel Mar Nero del cacciatorpediniere Porter, della nave comando Mount Whitney e della petroliera John Lenthall. Inoltre, cinque caccia americani F-15E Strike Eagle sono stati schierati nelle basi aeree in Bulgaria e Romania. Il ministero della Difesa russo ritiene che non si tratti solo di esercitazioni: in questo modo l’esercito americano prende posizione sul territorio.

” Tenendo conto del fatto che oltre alla Marina degli Stati Uniti, si prevede di utilizzare l’aviazione tattica, di pattugliamento e strategica, nonché i contingenti delle forze armate di Bulgaria, Georgia, Romania, Turchia e Ucraina, esiste uno studio del presunto teatro di operazioni militari nel caso in cui Kiev prepari una soluzione militare nel sud-est “, afferma la nota.

Secondo l’esperto militare del CIS Countries Institute, il capitano Rang Sergei Gorbachev, gli Stati Uniti stanno creando una propria mini-flottiglia nel Mar Nero, in grado di effettuare attacchi missilistici e minacciare non solo la Russia meridionale, ma anche Mosca:

“ Lo sviluppo dell’infrastruttura costiera dell’Ucraina è in corso: porto, componenti logistiche, utilizzo di strutture a terra. Se parliamo di aviazione, si tratta dell’uso dello spazio aereo dell’Ucraina per i propri scopi, dello sviluppo della rete aeroportuale. Gli aerei della NATO atterrano periodicamente a Odessa, vicino a Nikolaev, e in altri siti in varie regioni dell’Ucraina. Penso che la nostra dichiarazione miri a richiamare l’attenzione sulle forze da cui proviene la minaccia alla pace .

Questo genere di cose accade periodicamente – basti ricordare il grande raggruppamento di forze anti-russe che hanno partecipato alle esercitazioni estive Sea Breeze 2021. Lì il numero di forze e il numero di paesi i cui rappresentanti sono stati inviati alle esercitazioni è stato persino un record. Cioè, è successo questo genere di cose. Ma qui vediamo una coincidenza sia nel tempo che nello spazio, e vale la pena prestare attenzione alla varietà delle forze.
Se valutiamo le tre navi americane, allora questa è una nave comando, che ha un equipaggiamento di orientamento molto diverso, in grado di svolgere funzioni che vanno dalla sorveglianza alla ricognizione, fornendo sistemi di comunicazione, comando e controllo, e così via .

Si tratta di una piattaforma in grado di accogliere un elevato numero di contingenti distaccati. D’altra parte, c’è la possibilità di atterrare elicotteri, trasferendo vari sistemi d’arma e personale. Se stiamo parlando di un cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke, allora questa nave è una piattaforma per 90 missili diversi, inclusi i Tomahawk, che possono raggiungere Mosca. Ciò include questioni relative all’uso dei sistemi di controllo delle informazioni di combattimento Aegis associati allo stesso complesso in Romania. Inoltre una petroliera che ha la capacità di fornire non solo carburante, ma anche tutti i tipi di oli, acqua, forniture, ecc. Una tale mini-flottiglia, multifunzionale, con varie possibilità ”.

Il membro del movimento “Russia forte”, l’esperto militare Mark Bernardini propone alla Russia, in risposta alle azioni degli Stati Uniti, di inviare le sue navi da guerra sulle coste americane:

” Certo, in base al principio di reciprocità, gli Stati Uniti non avrebbero ovviamente nulla contro le navi della marina russa che appaiano vicino a Cuba e alla Florida, oltre che in Alaska: dopotutto, è necessario studiare il teatro di possibili ostilità, possibili in caso di un attacco degli States a Liberty Island? Seriamente, gli americani si stanno davvero preparando e stanno promuovendo la versione degli Stati Uniti e dei suoi scagnozzi (Bulgaria, Georgia, Romania, Turchia) che aiutano l’Ucraina ad attaccare le Repubbliche popolari nel Donbass.

Infatti, come sapete, gli estremisti radicali di Kiev non oseranno mai farlo senza un tacito ordine degli anglosassoni d’oltremare. In altre parole, non saranno gli Stati Uniti e la società che si uniranno all’Ucraina, ma l’esatto contrario. Ahimè, il “regime” ucraino non è mai stato molto lungimirante: sarebbe bene ricordare come negli ultimi trenta si siano concretizzate le assicurazioni degli yankee a capi di stato come Gorbaciov, Hussein, Gheddafi e perfino Saakashvili anni. anni ”.

“La situazione si sta rapidamente deteriorando”. Cosa stanno preparando Washington e Kiev in Donbass

 

Il Ministero della Difesa registra l’attività senza precedenti di aerei da ricognizione nei cieli del Mar Nero:

  • Il 9 novembre, sul Mar Nero, l’aereo da ricognizione e controllo di bersagli terrestri E-8C dell’aeronautica statunitense è stato accompagnato dai mezzi radiotecnici dei missili antiaerei delle forze aerospaziali russe.

Sempre nelle ultime 24 ore, le forze missilistiche antiaeree russe hanno scortato TRE aerei da ricognizione dagli stati membri della NATO sul Mar Nero:

  • Un aereo da ricognizione strategica RC-135 dell’aeronautica statunitense in volo da una base aerea sull’isola di Creta, in Grecia, in avvicinamento al confine di stato della Federazione Russa da una distanza di 30 km.
  • Un aereo da pattugliamento della base Poseidon della Marina degli Stati Uniti, decollato da una base aerea sull’isola di Sicilia, in Italia, si è avvicinato al confine di stato della Federazione Russa da una distanza di 70 km.
  • Un aereo da ricognizione C-160G Gabriel dell’aeronautica francese, in volo da una base aerea in Romania, si è avvicinato al confine di stato russo a una distanza di 30 km.
  • Un altro aereo da ricognizione strategica U-2 dell’aeronautica statunitense, in volo dal territorio britannico, è stato rilevato e accompagnato da ricognizione radar sul territorio ucraino, in avvicinamento al confine della Federazione Russa a una distanza di circa 60 km.
  • Il cacciatorpediniere lanciamissili USS Porter ha lasciato il porto georgiano di Batumi questa mattina alle 8:56, ora di Mosca.
  • La USS Mount Whitney, una nave della Marina degli Stati Uniti, è partita da Batumi alle 9:20 ora di Mosca.
  • La USS John Lenthall si trova nella parte sud-occidentale del Mar Nero.

Le azioni della Marina degli Stati Uniti così come la ricognizione e l’aviazione strategica nel Mar Nero confermano il vero obiettivo di questa imprevista esercitazione multinazionale: controllare il teatro di guerra previsto e, in particolare, il territorio dell’Ucraina nel caso in cui Kiev preparasse un soluzione muscolare nel sud-est.

Da notare anche, come scrive Maurizio Blondet sul suo sito, come anche gli Inglesi siano pronti a inviare soldati sul confine russo.

Poiché tutti gli occhi sono puntati sull’attuale crisi umanitaria al confine tra Bielorussia e Polonia, con migliaia di richiedenti asilo che cercano di entrare nell’UE , gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno avvertito che la Russia potrebbe tramare un’invasione dell’Ucraina. Una fonte della difesa britannica ha dichiarato: “L’ansia è perché non sappiamo cosa accadrà.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha affermato che ci sono quasi 100.000 soldati russi vicino al confine con l’Ucraina e che i paesi occidentali hanno condiviso informazioni sui movimenti attivi delle truppe russe con Kiev, riporta Reuters.

Il Regno Unito è pronto a intervenire per aiutare l’Ucraina se il conflitto si intensifica quando 600 soldati britannici dello Special Air Service (SAS) e del Reggimento paracadutisti sono stati avvertiti che potrebbero essere inviati nel paese entro poche ore.

La Russia ha negato tutte le pretese di un possibile conflitto e ha affermato che la sua presenza militare vicino al confine ucraino è stata solo una reazione all’aumento dell’attività dell’alleanza atlantica nella regione.

“Tali titoli non fanno altro che alimentare inutilmente e senza fondamento le tensioni”, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Fonti: controinformazione.info, Maxim Karpenko, maurizioblondet.it

Vivere Informati

 

Attualità Guerra TopNews