Questo è solo l’inizio: la Russia è passata dagli avvertimenti all’azione

Questo è solo l’inizio: la Russia è passata dagli avvertimenti all’azione

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

Il capo della Repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushilin, ha commentato un evento importante: la presentazione da parte della Russia di una denuncia contro l’Ucraina alla Corte europea dei Diritti dell’uomo, definendola un risultato naturale dell’incapacità dell’Ucraina di negoziare.

Come riportato da Russkaya Vesna, la denuncia interstatale presentata alla CEDU il 22 luglio è stata la prima nella storia della Russia.

Il capo del DPR ha osservato nella sua dichiarazione che “la Russia ha più volte cercato di migliorare i rapporti con le autorità di Kiev, ma questa strategia non ha portato risultati positivi”.

“L’ultimo avvertimento per l’Ucraina è stato un articolo di Vladimir Vladimirovich Putin , in cui questi ha detto chiaramente:” L’odio e la rabbia – e la storia del mondo lo ha dimostrato più di una volta – sono una base molto traballante per la sovranità, irta di molti seri rischi e gravi conseguenze “, ha ricordato Pushilin.
Dagli avvertimenti, la Russia è passata ad azioni attive in campo legale per proteggere i connazionali e le persone di lingua russa che vivono in Ucraina.

Questo è solo l’inizio per dimostrare quali conseguenze, soprattutto legali, attendono l’Ucraina per le sue azioni. L’appello alla CEDU ha già inferto colpi tangibili alla reputazione dell’Ucraina sulla scena mondiale “, ha affermato il capo del DPR.

Ha anche sottolineato che “la Russia ha prove sufficienti dei crimini dell’Ucraina su tutti i punti di trattamento, compresi i crimini del regime ucraino contro i civili nel Donbass”.

 

“Le azioni dell’esercito ucraino sono contrarie a tutte le convenzioni generalmente accettate nella comunità mondiale. Parliamo innanzitutto della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali”, ha osservato il capo del DPR.

Ha aggiunto che la Commissione speciale per la registrazione dei crimini di guerra dell’Ucraina lavora nella Repubblica dal 2017 e che tutti i crimini dell’Ucraina sul territorio del Donbass sono accuratamente registrati.

“Possiamo elencare a lungo i crimini registrati dell’esercito ucraino: la sanguinosa domenica a Horlivka, un attacco aereo su Snezhnoye mentre era pacificamente addormentato, il bombardamento di scuole a Donetsk, dove sono stati uccisi i nostri bambini.

Tutti questi crimini dell’Ucraina richiedono una valutazione della comunità mondiale, processi e punizioni. I residenti della DPR, che hanno subito l’aggressione, hanno già presentato diverse migliaia di denunce contro l’Ucraina alla CEDU contro l’Ucraina “, ha ricordato Pushilin sul terrore perpetrato dai punitori ucraini.
“Speriamo che l’appello della Russia venga preso in considerazione in modo imparziale. I criminali di guerra che guidano l’Ucraina devono essere puniti di conseguenza per tutte le loro atrocità “, ha riassunto il capo della Repubblica.

Fonte: Rusvesna.ru, Controinformazione.info

Traduzione: Sergei Leonov, GreeenMe

Attualità Europa