Il consigliere scientifico capo del Regno Unito Sir Patrick Vallance detiene un bonus di decine di migliaia di azioni nel gigante farmaceutico che sviluppa un vaccino Covid-19 per il governo. Tuttavia, Londra afferma che non c’è conflitto di interessi.

Vallance, che presiede anche il gruppo consultivo di esperti del governo sui vaccini, sembra aver mantenuto oltre 43.000 azioni di GlaxoSmithKline (GSK) – una multinazionale farmaceutica con sede nel Regno Unito – per un valore di £ 600.000, ha riferito The Telegraph.

La partecipazione sembra essere l’eredità del suo precedente lavoro come responsabile della ricerca e sviluppo presso la stessa azienda. Durante il suo mandato dal 2012 al 2018, Vallance ha accumulato nelle sue mani un totale di 404.201 azioni GSK per un valore di 6,1 milioni di sterline, secondo i media britannici.

Tuttavia, ha venduto più di 5 milioni di sterline di azioni dopo essere stato nominato al governo. GSK, nel frattempo, è entrata nella corsa globale per fornire al mondo un vaccino contro il coronavirus, insieme a circa 20 altri produttori di farmaci e centri di ricerca. Lo “sforzo” potrebbe rivelarsi piuttosto redditizio, se l’azienda avesse successo.

Il gigante farmaceutico che collabora con un altro produttore di farmaci, Sanofi, ha già stretto accordi con il Regno Unito e il governo degli Stati Uniti per fornire loro un vaccino Covid-19. Il contratto vedrebbe GSK fornire fino a 60 milioni di dosi nel Regno Unito e 100 milioni di dosi negli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, Washington ha già pagato alle due società 1,65 milioni di sterline per accelerare i loro sforzi.

Da quando ha ricevuto i contratti governativi, il prezzo delle azioni di GSK è aumentato di circa il due percento. Nel frattempo Vallance si è impegnato a garantire che il Regno Unito ricevesse dosi di vaccino sufficienti qualora le ricerche di GSK avessero successo.

All’inizio di questa settimana, ha affermato che le prime dosi potrebbero essere pronte già entro la fine di quest’anno, avvertendo, tuttavia, che la prima metà del 2021 sarebbe una prospettiva più realistica. Tali dichiarazioni hanno suscitato sospetti di un potenziale conflitto di interessi .

Tuttavia, il segretario alla sanità Matt Hancock ha affermato: “No, ci sono delle regole su questo tipo di conflitti e sono sicuro che Sir Patrick è stato pienamente consigliato da loro”, ha detto a LBC Radio. “Se conosceste Sir Patrick Vallance come lo conosco io – afferma Hancock- non avreste nessun sospetto che stia facendo qualcosa di diverso dall’interesse pubblico”, ha aggiunto.

Un portavoce del governo ha confermato però che Vallance detiene un bonus azionario differito che maturerà nell’aprile 2021 senza rivelarne il valore esatto.

Ha anche aggiunto che il capo consulente scientifico teoricamente non ha “alcun input” nelle decisioni commerciali sull’approvvigionamento di vaccini. Decisioni che vengono prese dal governo seguendo un regime di approvazione “robusto” .

Tratto da: RT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.