Mafia, il superlatitante fermato dopo 20 anni grazie a una foto su Google maps: faceva lo chef in Spagna. Deve scontare ergastolo

Mafia, il superlatitante fermato dopo 20 anni grazie a una foto su Google maps: faceva lo chef in Spagna. Deve scontare ergastolo

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

Fermato Gioacchino Gammino, boss agrigentino della “Stidda”, condannato all’ergastolo per omicidio. Gli uomini della Dia lo hanno trovato su una foto che immortala Avenida de los Voluntarios a Galapagar, 25mila abitanti nella comunità autonoma di Madrid. Nello scatto si vede un negozio di frutta e verdura che si chiama El huerto de Manu: davanti all’entrata due uomini che chiacchierano.

Lo ha incastrato una foto di Google maps. E’ grazie a un colpo di fortuna se la procura di Palermo è riuscita a porre fine alla latitanza di Gioacchino Gammino, boss agrigentino della “Stidda”, condannato all’ergastolo per omicidio. A raccontare la vicenda è il quotidiano La Repubblica.

Gli uomini della Dia – coordinati dal procuratore di Palermo (in attesa d’insediarsi a Roma) Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Paolo Guido e dal sostituto Gianluca De Leo – lo cercavano dal 2002, da quando era evaso dal carcere di Rebibbia. Lo hanno trovato su Google maps, in una foto che immortala uno squarcio di Avenida de los Voluntarios a Galapagar, 25mila abitanti nella comunità autonoma di Madrid. Nello scatto si vede un negozio di frutta e verdura che si chiama El huerto de Manu: davanti all’entrata due uomini che chiacchierano.Uno dei due, per gli investigatori, somiglia tantissimo al latitante agrigentino. Solo che quel negozio di frutta e verdura non c’è più: è stato chiuso da qualche tempo. Grazie al numero di telefono del locale, però, l’inchiesta si è spostata in un ristorante vicino, che si chiama La cocina di Manu: anche questo locale ha chiuso nel 2014. Però ha ancora una pagina facebook: tra le foto anche una dello chef, Manuel. Cioè Gioacchino Gammino: il volto è invecchiato, il latitante ha oggi 61 anni, ma posiede ancora una cicatrice sulla parte sinistra del mento.

Riforma della giustizia, lettera aperta alla Ministra Cartabia

Il 17 dicembre la prima cosa che Gioacchino “Manu” Gambino ha detto a chi è andato ad arrestarlo è questa: “Come avete fatto a trovarmi? Da dieci anni non telefonavo più alla mia famiglia”. E in effetti era vero: il latitante aveva interrotto da tempo i contatti con la sua terra d’origine. Ora è atteso in Italia per scontare l’ergastolo: è considerato uno dei componenti del commando che il 29 agosto 1989, a Campobello di Licata, assassinò per errore un passante. Erano i giorni della faida fra Cosa nostra e la Stidda, la mafia dei ribelli diffusa soprattutto nelle province di Trapani, Agrigento e Caltanissetta.

A indagare su Gammino, in passato, era stato pure il giudice Giovanni Falcone: lo considerava uno dei canali di collegamento con i clan che in Lombardia gestivano il traffico di droga. In Spagna Gammino era già fuggito nel 1998, ma all’epoca la latitanza era durata poco: a marzo era stato fermato a Barcellona. Dopo l’estradizione e il rientro in Italia, era finito a Rebibbia. Poco più di tre anni dopo, però, ecco l’evasione: il 26 giugno del 2002 era riuscito a scappare mentre in carcere si girava un film con Vittoria Belvedere. Confuso fra i parenti dei detenuti aveva fatto perdere le sue tracce: ora ricompare nei panni di un commerciante e chef radicato nell’hinterland madrileno.

Tratto da: IlFattoQuotidiano

Criminalità Europa