A diffondere il dato è la Cisl Lombardia. Colpiti “i lavoratori con contratto flessibile, a tempo determinato, in particolare del settore del commercio e dei servizi”. Per il sindacato si tratta di una “diminuzione rilevante, che non si verificava dalla crisi del 2009”.

Sono 110mila i posti di lavoro persi in Lombardia nei primi 6 mesi dell’anno a causa dell’emergenza Covid-19. A diffondere il dato è la Cisl regionale, secondo cui si tratta di una “diminuzione rilevante, che non si verificava dalla crisi del 2009”. Il numero emerge da una ricerca condotta per conto del sindacato, sulla base dei dati Istat e Unioncamere, presentata questa mattina nel corso dell’esecutivo del sindacato, riunito a Castelnuovo del Garda (Brescia). Colpiti esclusivamente “i lavoratori con contratto flessibile, a tempo determinato, in particolare del settore del commercio e dei servizi”, fa sapere la Cisl.

Fonte: Skytg 24

Fonte foto: Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.