Global Times – É tempo di indagare sul laboratorio di Fort Detrick negli Stati Uniti

Global Times – É tempo di indagare sul laboratorio di Fort Detrick negli Stati Uniti

Spread the love
Tempo di lettura: 3 min

Il segretario statunitense per la Salute e i Servizi Umani Xavier Becerra, martedì, ha invitato l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a condurre un’indagine di seconda fase sulle origini del coronavirus in un videomessaggio alla riunione ministeriale annuale dell’Assemblea Mondiale della Sanità (WHA) dell’OMS.

Secondo alcune opinioni occidentali, l’indagine di seconda fase si riferisce specificamente a ulteriori indagini a Wuhan, in Cina. Inoltre, le agenzie di intelligence statunitensi stanno diffondendo disinformazione sul fatto che tre ricercatori dell’Istituto Cinese di Virologia di Wuhan si siano ammalati con sintomi del Covid-19 nel novembre del 2019. È abbastanza chiaro che Becerra mira alla Cina. I rappresentanti di Australia, Giappone e UE hanno fatto eco alla sua retorica.

Prima della riunione WHA, gli Stati Uniti hanno preparato l’opinione pubblica per il ritorno della teoria della fuoriuscita da un laboratorio. Non è chiaro se sia una coincidenza. Eppure il dottor Anthony Fauci, uno dei massimi esperti statunitensi di salute pubblica, che l’anno scorso credeva che la teoria fosse una cospirazione, ha recentemente cambiato le sue osservazioni dicendo che “non è convinto” che il Covid-19 si sia sviluppato naturalmente e “penso che dovremmo continuare per indagare su cosa è successo in Cina”.

La seconda fase dell’indagine dell’OMS è necessaria, ma dovrebbe essere un’indagine globale, piuttosto che focalizzata solo su Wuhan, in Cina. Il team di esperti dell’OMS che ha visitato Wuhan all’inizio di quest’anno ha già concluso che era estremamente improbabile che il virus fosse fuoriuscito da un laboratorio cinese. Quando gli Stati Uniti si uniscono ai loro alleati per apporre un’etichetta di “non indipendenza” e “non trasparenza” al rapporto dell’OMS, mettono il proprio obiettivo politico al di sopra dello spirito scientifico del gruppo di esperti dell’OMS.

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

L’Istituto di virologia di Wuhan ha dichiarato che nessun suo dipendente è stato contagiato da Covid-19. Quella della cosiddetta “intelligence” degli Stati Uniti è una malvagia montatura politica. Ovunque l’OMS vada a condurre la ricerca delle origini del Covid-19, deve ottenere la sincera collaborazione di scienziati locali e agenzie amministrative. Il team di esperti dell’OMS ha espresso soddisfazione e apprezzamento per la cooperazione della Cina. Gli Stati Uniti vogliono una presunzione di colpevolezza e intendono condurre un’indagine “in stile Holmes”. È completamente irrealizzabile nella scienza ed è un insulto politico agli scienziati cinesi e alle agenzie amministrative.

Se vedono la teoria della “fuoriuscita dal laboratorio” come una delle direzioni dell’indagine, l’Istituto di Virologia di Wuhan non dovrebbe essere l’unico incluso. Dal 2019 il bio laboratorio di Fort Detrick ha mostrato molti segnali degni di attenzione e dovrebbe essere incluso nel primo gruppo di obiettivi di indagine. Inoltre, gli Stati Uniti hanno anche costruito un numero sorprendente di bio laboratori in Asia e indagare su di essi è una questione urgente che deve essere aggiunta nel tracciamento delle origini del Covid-19.

Quando Wuhan ha confermato per la prima volta la trasmissione da uomo a uomo nella fase iniziale dell’epidemia di Covid-19 e ha lanciato l’allarme, c’erano solo pochi casi che potevano essere identificati. Gli eventi successivi hanno dimostrato che l’epidemia si è diffusa negli Stati Uniti come quella di Wuhan ma a malapena ha ricevuto lo stesso grado di attenzione. Ci sono stati casi di Covid-19 nella cosiddetta “influenza” grave negli Stati Uniti? Molte nuove informazioni richiedono un’indagine degli esperti dell’OMS negli Stati Uniti.

Se gli sforzi di ricerca delle origini dei virus si concentrano sulla scienza piuttosto che sulla politica, espandere l’ambito dell’indagine è assolutamente logico e razionale. Tuttavia, gli Stati Uniti stanno usando ripetutamente gli strumenti informativi propri e dei loro alleati per attirare l’attenzione su Wuhan, in particolare sul laboratorio di virologia. È chiaramente una manovra politica.

Gli Stati Uniti stanno utilizzando argomenti come l’isola di Taiwan e l’origine del nuovo coronavirus per costringere l’OMS. Ma l’assemblea dovrebbe concentrarsi su come controllare la pandemia il prima possibile e distribuire equamente i vaccini anti Covid-19. Questi sono i punti deboli degli Stati Uniti e dei loro alleati. Finora Washington, in particolare, ha contribuito con scarso sostegno materiale alla lotta globale contro la pandemia. Invece, ha parlato oziosamente per provocare un assedio contro la Cina, il più grande fornitore mondiale di prodotti antiepidemici. Gli Stati Uniti sono sempre stati la più grande forza distruttiva nella cooperazione globale contro il virus.

Ciò che è spiacevole è che, essendo il paese più potente, gli Stati Uniti non si preoccupano della giustizia globale, né del bisogno più urgente di combattere la pandemia insieme. Tutto ciò che gli interessa è usare ogni opportunità per strangolare il loro “concorrente strategico” – la Cina. Fin quando agiranno così nel tracciamento delle origini dei virus, probabilmente non ci sarà mai un risultato finale del tracciamento delle origini basato esclusivamente sulla scienza.

Tratto da: L’Antidiplomatico

Attualità Mondo