Migranti: quando il problema tocca a loro…

Migranti: quando il problema tocca a loro…

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

Di Maurizio Blondet

La Germania martedì ha invitato l’Unione europea a “prendere misure” per  contenere l’afflusso al confine polacco di migranti dalla Bielorussia. “La Polonia o la Germania non possono fare fronte a questo da sole”  [come l’Italia, ndr.], ha detto al quotidiano Bild il ministro degli Interni Horst Seehofer. “Dobbiamo aiutare il governo polacco a rendere sicure le sue frontiere esterne. Questo dovrebbe essere il compito della Commissione europea. Ora la invito ad agire “, ha detto.

 

Ha lanciato l’appello dopo che la Polonia ha annunciato di aver respinto il tentativo di centinaia di migranti di attraversare illegalmente il suo confine dalla Bielorussia, poiché altre migliaia si sono ammassate vicino a questo limite esterno dell’Unione europea. “Temiamo che ci possa essere un’escalation di questo tipo di azioni alla frontiera polacca in un prossimo futuro e di natura armata“, ha persino sbottato lunedì davanti alla stampa Piotr Muller, il portavoce del governo polacco. Horst Seehofer ha sottolineato a questo proposito di appoggiare la decisione della Polonia di erigere un muro al confine con la Bielorussia. “Non possiamo criticarla (…) per proteggere i confini esterni dell’UE“, ha affermato. “Non con l’uso delle armi ovviamente, ma con altri mezzi disponibili”, ha aggiunto il ministro.

 

Lunedì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha invitato gli Stati membri dell’UE a dare il via libera a nuove sanzioni. “La strumentalizzazione dei migranti per scopi politici è inaccettabile“, ha affermato in una nota. Oltre a un’estensione delle sanzioni contro Minsk, ha sottolineato che l’Unione europea “esaminerà come sanzionare le compagnie aeree di paesi terzi” che trasportano migranti in Bielorussia. Confinante con la Polonia, la Germania ha visto un forte aumento del numero di migranti dalla Bielorussia. Nel solo ottobre erano vicino a 5.000…

Salari, pensioni e occupazione alla mercé della speculazione

Berlino ha risposto rafforzando i controlli alle frontiere e dispiegando ulteriore polizia. “La Germania potrebbe inviare molto rapidamente forze di polizia per aiutare la Polonia, se quest’ultima lo desidera”, ha detto inoltre a Bild Stephan Mayer, un alto funzionario del ministero degli interni tedesco.

Hanno definito questo evento “guerra ibrida”, loro.. a cui quindi è lecito rispondere con atti di guerra. Definizione che a noi è vietato appplicare agli scafisti tedeschi  o spagnoli ONG –  che vanno a raccogliere i naviganti  per buttarceli slle coste:

La Sea Eye  – tedesca – con 800 migranti a bordo sbarcherà a Trapani; la Ocean Viking ancora in mare

“Dopo tante difficili ore di attesa, finalmente abbiamo avuto buone notizie da Roma. La Sea Eye 4 è autorizzata a navigare fino a Trapani per portare in salvo le oltre 800 persone soccorse”: lo ha annunciato la Ong tedesca su Twitter. La nave umanitaria dovrebbe attraccare nel primo pomeriggio. Intanto la Ocean Viking  (tedesca,  ndr.) rimane in mare con oltre 300 persone a bordo.

Gli equipaggi di queste ONG tedesche sono stipendiati da qualcuno con grandi mezzi, non lavorano gratis. Quando imparerete, voi italiani servi ?

Tratto da: maurizioblondet.it

Attualità Europa