Secondo la corte d’appello giapponese lo stato e la Tokyo Electric Power Company (TEPCO) avrebbero potuto prendere provvedimenti per prevenire il disastro nucleare di Fukushima; è stato quindi stabilito che dovranno pagare un miliardo di yen (9,5 milioni di dollari) a 3.550 querelanti.

La sentenza dell’Alta Corte di Sendai oggi ha confermato la precedente decisione di un tribunale inferiore. I querelanti furono costretti a fuggire dalle loro case dopo che un terremoto di magnitudo 9 innescò uno tsunami che devastató la regione nord-orientale e paralizzato la centrale nucleare di Fukushima nel 2011.

La sentenza di oggi segna la prima volta che un’alta corte giapponese ha riconosciuto la responsabilità del governo per l’incidente. Ora potrebbero seguire ulteriori richieste di risarcimento, poiché migliaia di altri residenti furono evacuati quando i reattori della centrale elettrica costiera si surriscaldarono e rilasciarono una nuvola radioattiva.

L’alta corte ha preso la sua decisione in linea con una sentenza del 2017 del tribunale distrettuale di Fukushima. Ha incolpato sia il governo che la TEPCO per non aver preso provvedimenti per contrastare l’enorme tsunami causato da un terremoto. Avrebbero dovuto essere in grado di prevedere i rischi di un’onda alta 15,7 metri nel sito, sulla base di una valutazione dei sismi emessa nel 2002, afferma la sentenza. Il disastro si sarebbe potuto evitare se le autorità avessero anche incaricato l’operatore di attuare le misure, secondo il tribunale di Fukushima.

Alla fine di agosto, circa 55.000 persone che furono evacuate a causa del disastro rimasero sfollate, sia all’interno che all’esterno della Prefettura di Fukushima. 

Tokyo ha in programma di rivedere la sentenza prima di decidere come rispondere, ha detto ai giornalisti il ​​segretario capo del governo Katsunobu Kato. Il governo in precedenza aveva insistito sul fatto che era impossibile prevedere lo tsunami o prevenire il successivo disastro. Nel frattempo, i funzionari della TEPCO affermano che la società ha adempiuto alla sua responsabilità di risarcimento secondo le linee guida del governo.

Vivere Informati

Fonte: RT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.