Francia contesta validità elezioni in Siria. Damasco: “È finita l’era coloniale”

Francia contesta validità elezioni in Siria. Damasco: “È finita l’era coloniale”

Spread the love
Tempo di lettura: < 1 min

La Siria ha risposto, sabato, alle dichiarazioni del portavoce del ministero degli Esteri francese in cui criticava le elezioni presidenziali siriane che si terranno mercoledì prossimo all’interno del Paese.

Secondo l’Agenzia di stampa SANA, il ministero degli Esteri siriano ha dichiarato, in un comunicato ufficiale, che “la Siria condanna fermamente le dichiarazioni del portavoce del ministero degli Esteri francese e afferma che gli approcci sbagliati del governo francese in Siria non saranno in grado di ostacolare il processo di stabilizzazione del paese “.

Ha anche aggiunto: “Le elezioni sono una questione sovrana siriana per eccellenza, e nessun governo straniero ha il diritto di interferire con esse. Solo i siriani avranno l’ultima parola. Il massiccio afflusso di siriani ai seggi elettorali di tutto il mondo, compresi quelli parigini, è la migliore risposta a queste affermazioni “.

“La Francia deve sapere che la ruota del tempo non tornerà indietro, e che l’era del colonialismo è finita per sempre, e la legittimità in Siria oggi è concessa solo dai siriani, non dal delegato a Parigi”, si legge nel comunicato.

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

“Le elezioni organizzate dal regime siriano in patria e all’estero, come le elezioni presidenziali che si svolgeranno entro pochi giorni o le elezioni legislative dell’anno scorso, non soddisfano le condizioni e mancano di standard”, secondo la diplomazia francese.

Le elezioni presidenziali siriane si terranno il 26 maggio, mentre i siriani all’estero hanno votato nella giornata di venerdì.

Tre candidati competono a queste elezioni; sono l’attuale presidente, Bashar al-Assad, Abdullah Salloum Abdullah, ex parlamentare e Mahmoud Maree, che è stato uno dei fondatori della National Democratic Action Commission.

Tratto da: L’Antidiplomatico

Attualità Mondo