Fatture false a Firenze. La finanza sequestra 14 milioni di euro

Fatture false a Firenze. La finanza sequestra 14 milioni di euro

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Firenze, diretta dal Procuratore Capo Giuseppe Creazzo, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di sequestro preventivo di beni per un valore complessivo di oltre 14 milioni di euro, adottato dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale fiorentino Dott. Giampaolo Boninsegna  nei confronti di un consorzio di cooperative operante nel campo della fornitura di servizi di facchinaggio e trasporto, per un giro di fatture di circa una trentina di milioni di euro ritenute a vario titolo fittizie. L’operazione si è conclusa con 16 indagati.
Il consorzio di cooperative otteneva contratti aventi a oggetto prestazioni di facchinaggio e di trasporti, subito dopo affidate in subappalto alle cooperative consorziate. Le indagini, condotte dal Nucleo di polizia economico finanziaria di Firenze, sotto la direzione del Procuratore Aggiunto Gabriele Mazzotta e del Sostituto Procuratore Fabio Di Vizio, hanno portato a ritenere che il consorzio gestisse di fatto direttamente la manodopera, che, mantenuta formalmente in forza alle cooperative, consentiva al consorzio di detrarre consistenti crediti IVA derivanti dalle prestazioni fatturate dalle stesse cooperative, che non versavano l’IVA e si avvicendavano nel tempo, spostando i lavoratori e subentrando nei contratti di subappalto.

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

Sentenza storica, Solvay dovrà risarcire la famiglia di un operaio di Rosignano, morto per l’amianto

 

Sono circa una trentina le cooperative coinvolte, che si sono succedute su un arco temporale di più anni e che hanno maturato debiti tributari per milioni di euro. Sedici le persone fisiche indagate, a vario titolo, per reati che vanno dall’emissione o utilizzo di fatture per operazioni inesistenti all’omesso versamento dell’imposta sul valore aggiunto. L’esito delle indagini ha consentito alla Procura della Repubblica di Firenze di richiedere al Tribunale fiorentino il sequestro dei beni e delle liquidità nei confronti dei soggetti ritenuti responsabili a vario titolo delle condotte penali. L’operazione s’inquadra nelle linee strategiche d’azione del Corpo volte al contrasto dei fenomeni illegali più gravi e integra, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Firenze, indagini di polizia giudiziaria e investigazioni di polizia economico-finanziaria che vengono svolte anche cautelando, a garanzia dei crediti erariali, i patrimoni accumulati.

Tratto da: Antimafiaduemila

Attualità Criminalità Italia