Dal Re di Giordania a Tony Blair. Pandora Papers e i paradisi fiscali di 35 Capi di Stato

Dal Re di Giordania a Tony Blair. Pandora Papers e i paradisi fiscali di 35 Capi di Stato

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

L’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ) ha pubblicato la sua “esposizione più completa di segreti finanziari”. L’ampio lavoro giornalistico è stato chiamato Pandora Papers ed è il risultato dell’analisi di oltre 11,9 milioni di documenti trapelati che “coprono ogni angolo del mondo”.

Più di 600 giornalisti provenienti da 117 paesi e 150 media hanno preso parte all’inchiesta, segnando la più grande collaborazione nella storia dell’ICIJ.

“La macchina dell’offshore opera in ogni angolo del pianeta”

Una delle principali conclusioni del lavoro giornalistico è che “la macchina del denaro ‘offshore’ opera in ogni angolo del pianeta, comprese le più grandi democrazie del mondo”. “Tra i principali attori del sistema ci sono istituzioni d’élite – banche multinazionali, studi legali e società di revisione contabile – con sede negli Stati Uniti e in Europa”, indica l’ICIJ.

Secondo uno dei documenti Pandora Papers, le banche di tutto il mondo hanno aiutato i loro clienti a creare almeno 3.926 società in paradisi fiscali con l’aiuto di uno studio legale panamense, chiamato Alemán, Cordero, Galindo & Lee, diretto da un ex ambasciatore degli Stati Uniti “The La società, nota anche come Alcogal, ha creato almeno 312 società nelle Isole Vergini britanniche per i clienti del gigante dei servizi finanziari statunitensi Morgan Stanley”, affermano i giornalisti.

I file trapelati espongono i segreti finanziari e le procedure “offshore” di 35 presidenti attuali ed ex, più di 100 miliardari e più di 300 funzionari pubblici di alto rango, come ministri, giudici, sindaci e capi militari di oltre 90 paesi.

Tra i molteplici casi, è stato rivelato che l’ ex primo ministro britannico Tony Blair e sua moglie Cherie hanno risparmiato più di $ 400.000 durante l’acquisto di una casa del valore di $ 8,8 milioni attraverso una società “offshore”, sebbene fosse un processo legale, o che il primo ministro della Repubblica Ceca, Andrej Babis, in attesa di essere rieletto questa settimana, ha trasferito 22 milioni di dollari alle società ‘offshore’ per acquisire in modo inosservato un immobile in Francia.

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

Smartphone: attenzione al microfono sempre acceso

L’acquisto di 14 case di lusso negli Stati Uniti e nel Regno Unito del valore di oltre 106 milioni di dollari da parte del re Abdullah II di Giordania attraverso le società di comodo registrate nei paradisi fiscali, e il possesso da parte dei figli del primo ministro del Pakistan , Imran Khan, di beni di lusso appartamenti a Londra, oltre a milioni di dollari senza dichiarare in mano a persone della sua cerchia ristretta è venuto alla luce anche il fatto che la famiglia del  presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha segretamente accumulato beni per un valore di oltre $ 30 milioni per anni, nascosti al controllo pubblico.

Per avere un’idea dell’entità delle rivelazioni, alcuni dei protagonisti che compaiono nei risultati dell’inchiesta giornalistica sono:

  • Presidente dell’Ecuador, Guillermo Lasso
  • Presidente della Repubblica Dominicana, Luis Abinader
  • figli del presidente del Cile, Sebastián Piñera
  • ex presidenti della Colombia, César Gaviria e Andrés Pastrana
  • l’ex presidente dell’Honduras, Porfirio Lobo
  • ex presidenti di El Salvador, Alfredo Cristiani e Francisco Flores
  • ex presidente del Paraguay, Horacio Cartes
  • L’ex presidente del Perù, Pedro Pablo Kuczynski
  • ex presidenti di Panama, Juan Carlos Varela, Ricardo Martinelli ed Ernesto Pérez Balladares
  • Ministro dell’Economia del Brasile, Paulo Guedes
  • L’ex primo ministro di Haiti, Laurent Lamothe
  • Presidente del Montenegro, Milo Djukanovic
  • Presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky
  • Presidente del Gabon, Ali Bongo
  • Presidente del Congo, Denis Sassou-Nguesso
  • Primo Ministro del Libano, Najib Mikati
  • Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti, Mohamed bin Rashid al Maktoum
  • Primo Ministro della Costa d’Avorio, Patrick Achi
  • Principessa del Marocco, Lalla Hasna

Tratto da: L’Antidiplomatico

Pensi che alle tue amiche e ai tuoi amici possa interessare questo articolo? Condividilo!

Attualità Mondo