I paesi stanno perdendo un totale di oltre $ 427 miliardi di tasse ogni anno a causa dell’abuso fiscale internazionale delle società e dell’evasione fiscale privata, che costano complessivamente l’equivalente dello stipendio annuale di un infermiere ogni secondo ha rivelato uno studio condotto Global Alliance for Tax Justice.

L ‘”asse dell’elusione fiscale” è responsabile di oltre la metà delle perdite fiscali mondiali

Il Corporate Tax Haven Index 2019 aveva precedentemente stimato che il Regno Unito, insieme alla sua rete di territori d’oltremare e dipendenze della Corona, Lussemburgo, Svizzera e Paesi Bassi sono insieme responsabili per metà del rischio mondiale di abuso dell’imposta sulle società, coniando l’etichetta di “asse dell’elusione fiscale” per il gruppo. 14 Il Tax Justice Network ha rivelato nell’aprile 2020 che l’asse dell’elusione fiscale costa all’UE oltre 27 miliardi di dollari di tasse perse ogni anno esclusivamente dalle multinazionali statunitensi che operano nell’UE. 

Lo State of Tax Justice Network conferma oggi che l’asse dell’elusione fiscale è collettivamente responsabile di oltre il 47,6% della perdita fiscale globale derivante dall’abuso dell’imposta sulle società. Quando si includono le perdite fiscali per l’evasione fiscale privata, l’asse dell’elusione fiscale è responsabile del 55% di tutte le perdite fiscali subite dai paesi di tutto il mondo, con un costo annuo di quasi 237 miliardi di dollari.

Problema globale
 
Il rapporto indica che nel mondo ci sono perdite annuali nell’ordine di  427 miliardi di dollari a causa di abusi fiscali internazionali. Di questo importo, 245 sono persi a causa dell’evasione delle multinazionali che trasferiscono i profitti ai paradisi fiscali e, quindi, pagano meno tasse di quanto dovrebbero.
 
I restanti 182 miliardi di dollari vengono persi a causa di miliardari che nascondono beni e entrate non dichiarate all’estero, al di fuori della portata della legge.
 
Nel rapporto si sottolinea che “i sistemi fiscali della maggior parte, se non tutti, i paesi del mondo sono stati programmati per dare la priorità agli interessi dei colossi aziendali più ricchi e dei super-ricchi, senza limiti geografici, al di sopra dei bisogni di tutti i membri della società.”
 
Allo stesso modo, si pone la necessità di rafforzare l’apparato di controllo per prevenire gli abusi a livello globale, fornendo risorse e “personale sufficientemente retribuito per attrarre e trattenere i migliori talenti”, in modo che il sistema sia efficiente nel far rispettare la legge.

Quali azioni devono intraprendere i Paesi per impedire l’evasione fiscale?

Secondo Tax Justice Network, Public Services International e Global Alliance for Tax Justice, ci sono strade che i governi possono intraprendere:

  1. Introdurre un’imposta sugli utili in eccesso sulle società multinazionali che realizzano profitti in eccesso durante la pandemia, come le società digitali globali, al fine di ridurre gli abusi di spostamento degli utili. L’eccesso di profitto delle società multinazionali sarebbe identificato a livello globale, non a livello nazionale, per impedire alle società di sottostimare i propri profitti spostandoli in paradisi fiscali e tassati utilizzando un metodo fiscale unitario.”
  2. Introdurre una tassa sul patrimonio per finanziare la risposta al Covid-19 e affrontare le disuguaglianze a lungo termine che la pandemia ha esacerbato, con tassi punitivi per le attività offshore di proprietà opaca e un impegno tra i governi per eliminare questa opacità.
  3. Infine, stabilire una convenzione fiscale delle Nazioni Unite per garantire un forum globale e realmente rappresentativo per stabilire standard multilaterali coerenti per la tassazione delle società, per la necessaria cooperazione fiscale tra i governi e per fornire una trasparenza fiscale globale e multilaterale.

Tratto da: L’Antidiplomatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.