Gaza, traumi psichici per il 91% dei bambini dopo ultima aggressione di Israele

Gaza, traumi psichici per il 91% dei bambini dopo ultima aggressione di Israele

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

Attraverso un rapporto diffuso ieri, l’organizzazione umanitaria Euro-Mediterranean Human  Rights Monitor  (Euro-Med), con sede a Ginevra (Svizzera), ha rivelato cifre scioccanti sulla sofferenza dei due gruppi più vulnerabili nella Striscia di Gaza assediata, ovvero donne e bambini.

Infatti, circa il 50% dei due milioni di abitanti dell’enclave costiera palestinese sono bambini di età inferiore ai 15 anni e circa il 49% sono donne.

Secondo lo studio, a seguito dei precedenti attacchi sferrati dal regime di Tel Aviv contro la Striscia di Gaza, il 33% dei bambini ha avuto bisogno di sostegno a causa del trauma che hanno ricevuto, una cifra che sale a oltre il 91% dopo l’ultima aggressione israeliana dello scorso maggio.

“Attualmente, circa il 91,4% dei bambini di Gaza subisce traumi legati al conflitto ” , si legge nel documento, intitolato ‘ One War Older ‘.

Euro-Med rileva che in 11 giorni di “attacchi sproporzionati a quartieri residenziali densamente popolati” da parte del regime israeliano, 66 bambini hanno perso la vita e almeno 470 sono rimasti feriti, alcuni dei quali con “lesioni che causeranno disabilità permanenti o a lungo termine””.

Questi dati sono il risultato di più di cinque settimane di indagine sul campo da parte del team di Euro-Med Monitor, che ha documentato centinaia di casi di attacchi diretti alle abitazioni civili, che hanno coinvolto un gran numero di donne e bambini, nella Striscia di Gaza.

Nel rapporto, si sostiene, tra l’altro, che 400.000 bambini hanno difficoltà ad accedere all’acqua a causa dei danni subiti da pozzi, falde acquifere, impianti di desalinizzazione e impianti di trattamento, a seguito dei bombardamenti.

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

Italia: Un nuovo studio su un campione di oltre 6000 persone mostra come depressione e ansia sono peggiorate in oltre il 40% delle persone dopo le chiusure

Allo stesso modo, riferisce che circa 72.000 bambini sono stati sfollati nelle scuole dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA) o nelle case dei loro parenti durante gli attacchi israeliani, mentre circa 5.400 bambini hanno perso la casa – completamente distrutte o gravemente danneggiate – e le case di 42.000 bambini parzialmente danneggiate.

Dal 10 maggio e per 11 lunghi giorni, gli israeliani hanno lanciato attacchi aerei contro Gaza, uccidendo centinaia di palestinesi e distruggendo completamente circa 1.200 delle loro case. La guerra è stata scatenata da ripetuti attacchi del regime di Tel Aviv contro i palestinesi nella Cisgiordania occupata, compresi i suoi complotti per lo sgombero forzato delle famiglie palestinesi residenti nei quartieri orientali di Al-Quds (Gerusalemme).

Le autorità palestinesi hanno chiesto al Segretario Generale delle Nazioni Unite (ONU), António Guterres, di includere Israele nella lista di coloro che violano i diritti dei bambini; tuttavia, Guterres ha deciso di “non includere” il regime israeliano in tale elenco.

Con questo atteggiamento, dire che l’Onu è screditata è un eufemismo.

Tratto da: L’Antidiplomatico

Attualità Mondo