I paesi creditori del Club di Parigi, l’associazione finanziaria informale che comprende i leader economici mondiali, sono prossimi ad approvare una moratoria sui debiti di Cuba per quest’anno, decisione che sfida la strategia dell’amministrazione Trump, che prova a tagliare qualsiasi aiuto finanziario al governo comunista. 
 
Come ha riportato Bloomberg ieri, citando tre fonti anonime che hanno familiarità con i negoziati, la sospensione del pagamento del debito cubano, che scade alla fine di questo mese di ottobre, mira ad evitare una maggiore pressione economica sulla nazione caraibica, che soffre le conseguenze della pandemia di coronavirus.

Quanto deve Cuba?
 
Le fonti non hanno specificato l’importo totale del sollievo concordato dai creditori del club, né la durata della moratoria, ma a dicembre 2019 il governo comunista doveva circa 5,2 miliardi di dollari , ha detto Bloomberg.
 
In precedenza, alcuni media avevano riferito che le principali economie avevano offerto all’Avana un rinvio alla primavera del 2021 per negoziare lo schema dei pagamenti futuri, un anno in meno rispetto a quanto richiesto dalla nazione insulare all’inizio dell’anno.
 
Mercoled’ scorso, il Club di Parigi ed i leader finanziari del G20 hanno annunciato  una proroga di sei mesi della moratoria sul debito dei paesi più poveri per sostenere la loro lotta contro la pandemia. Cuba, tuttavia, non è inclusa in questa misura di soccorso.

Per quanto riguarda le trattative all’interno del club, le fonti hanno affermato che i colloqui si stanno svolgendo separatamente tra Cuba e un gruppo di 14 creditori, tra cui Canada, Spagna, Giappone e Regno Unito. Gli Stati Uniti sono contrari all’estensione del debito del loro vecchio nemico della Guerra Fredda, ma non hanno il potere di veto, poiché la sua approvazione non richiede il consenso dei 22 membri .
 
Già a corto di fondi, il governo cubano ha firmato l’accordo con i suoi creditori del Club di Parigi – senza la partecipazione degli Stati Uniti – nel 2015. L’accordo ha condonato $ 8,5 miliardi di $ 11,1 miliardi di debito estero che Cuba era inadempiente nel 1986, più le spese. I restanti impegni sono stati ristrutturati in rate annuali che l’isola dovrà pagare fino al 2033.
 
Washington e le sue pressioni
 
Lo scorso settembre, il presidente Donald Trump ha annunciato la sua intenzione di sanzionare i turisti americani che soggiornano nelle proprietà del governo cubano durante la loro visita sull’isola. Inoltre, gli Stati Uniti hanno  incluso nella ” Lista delle restrizioni su Cuba ” la società cubana di rimesse American International Services (AIS), un provvedimento condannato duramente dalle autorità della nazione caraibica.
 
Queste nuove manovre si aggiungono a una lunga lista di misure di pressione applicate contro il governo cubano dall’amministrazione Trump, che cerca di annullare il riavvicinamento all’Avana intrapreso dal suo predecessore, Barack Obama. 
 
Le sanzioni statunitensi hanno iniziato a intensificarsi soprattutto nel corso del 2019, dopo che Cuba ha reso esplicito il suo sostegno al presidente venezuelano Nicolás Maduro dopo la fallita auto-proclamazione di Juan Guaidó.

Tratto da: L’Antidiplomatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.