Nel momento in cui la salute globale è minacciata dalla crisi del coronavirus, un recente studio mostra che le malattie croniche, insieme a a sistemi sanitari inefficaci, minacciavano già la salute del pianeta prima della comparsa della SARS-CoV-2. Questa situazione ha dato origine a ciò che gli esperti chiamano “effetto sindemico”, la congiunzione di varie malattie e fattori sociali  che aggravano le conseguenze di ciascuna patologia, soprattutto in un’emergenza sanitaria. 

È così che lo studio  ‘Five insights from the Global Burden of Disease Study 2019’, pubblicato ieri da The Lancet, esorta le autorità sanitarie di tutti i paesi a prendere “misure urgenti” per affrontare la “tempesta perfetta” che si è prodotta negli ultimi tre decenni.

Malattie non trasmissibili

Quindi, secondo gli autori, l’epidemia che l’umanità deve affrontare e che oggi si unisce al coronavirus è quella delle malattie non trasmissibili (NCD), con una menzione speciale del sovrappeso e dell’obesità, che porta ad aumenti della pressione sanguigna e dei livelli sanguigni, come la  glicemia.

Inoltre, per la prima volta è stato riscontrato che i dati relativi alle malattie cardiovascolari hanno smesso di diminuire in diversi paesi e sono addirittura aumentati in alcuni.

Lo studio, sviluppato dall’Institute for Health Metrics and Assessments (IHME) dell’Università di Washington e guidato dal suo direttore, Christopher Murray, analizza 286 cause di morte, 369 malattie e lesioni e 87 fattori di rischio in 204 paesi.
 
Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha già affermato che questo rapporto  “mostra la portata della sfida che dobbiamo affrontare” .

Il progresso delle malattie croniche

Lo studio descrive le malattie croniche che sono aumentate maggiormente negli ultimi decenni: ipertensione , iperglicemia , aumento dell’indice di massa corporea (BMI), ipercolesterolemia e malattie cardiovascolari .
 
Il loro aumento, secondo il rapporto, potrebbe spingere l’aumento dell’aspettativa di vita negli ultimi anni a un punto critico da cui ristagna o addirittura si allontana in alcuni paesi ad alto reddito.
La maggior parte di questi disturbi è prevenibile e / o curabile . Ciò richiederebbe il cambiamento delle abitudini malsane , in particolare la qualità della dieta, l’apporto calorico e l’attività fisica. Pertanto, sarebbe necessario investire in cure normative, sanità pubblica e ricerca.

L’importanza di affrontare queste patologie è esacerbata in momenti come quello attuale, dove già gli studi indicano che fattori come obesità, diabete o problemi cardiovascolari sono associati ad un aumentato rischio di morte per covid-19 .

Principali fattori di perdita di salute

Lo studio individua anche i dieci principali fattori responsabili della perdita di salute a livello globale da 30 anni. Quelli che colpiscono principalmente gli anziani sono la cardiopatia ischemica (con un aumento del 50%), il diabete (148%), gli incidenti cerebrovascolari (32%), la malattia renale cronica (93%), il cancro ai polmoni ( 69%) e sordità parziale legata all’età (83%). Altri quattro sono comuni sin dall’adolescenza: HIV / AIDS (128%), disturbi muscoloscheletrici (129%), lombalgia (47%) e disturbi depressivi (61%).
 
Il rapporto chiede alle autorità di tutto il mondo di intraprendere azioni urgenti per migliorare i propri sistemi sanitari pubblici e di lavorare per ridurre le disuguaglianze che rendono più vulnerabile gran parte della popolazione mondiale.

Cattive notizie per il primo mondo

Le peggiori conseguenze di questa situazione si sviluppano nei paesi più ricchi, rispetto a quelli con meno reddito, poiché questi ultimi hanno compiuto importanti progressi che ne hanno aumentato la speranza di vita e ridotto l’incidenza di alcune malattie contagiose, che sono diventate endemiche, come la malaria o l’AIDS.
 
Ora, la sfida sta nell’adattare i sistemi sanitari  per servire una popolazione che vive più a lungo, ma con una minore qualità della vita, cioè meno salute. L’aspettativa di vita in buona salute non è avanzata alla stessa velocità  dell’aspettativa di vita complessiva in 198 dei 204 paesi analizzati: le persone vivono più a lungo e anche in cattive condizioni di salute.

Tratto da: L’Antidiplomatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.