Congo, ‘arrestati alcuni sospettati per la morte di Attanasio’

Congo, ‘arrestati alcuni sospettati per la morte di Attanasio’

Spread the love
Tempo di lettura: < 1 min

Dopo mesi di silenzio e di lavoro svolto nell’ombra da parte degli investigatori, nella Repubblica democratica del Congo qualcosa sembra muoversi nella strada verso la verità sull’assassinio dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e del loro autista Mustapha Milambo, uccisi in un agguato mentre viaggiavano a bordo di un’auto del Programma alimentare mondiale. “Ci sono sospetti che sono stati arrestati e vengono interrogati”, ha annunciato il presidente congolese Félix Tshisekedi.

Citato dal quotidiano del Paese Actualité, Tshisekedi ha evocato una possibile rete: “Sono ‘coupeurs de route’ organizzati in bande e hanno sicuramente dei protettori”. 

Segui Vivere Informati anche su FacebookTwitter e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

La mattina del 22 febbraio, Attanasio e Iacovacci stavano viaggiando sulla strada tra Goma e Rutshuru, in una regione del Paese africano – il Nord Kivu – da anni teatro di violenti scontri tra decine di milizie che si contendono il controllo del territorio e delle sue risorse naturali. Il diplomatico italiano avrebbe dovuto visitare un programma di distribuzione di cibo nelle scuole dell’agenzia dell’Onu, fresca di Nobel per la pace. Le due auto del Pam furono invece fermate a circa 15 chilometri da Goma, nei pressi di Nyiaragongo, nel parco nazionale di Virunga. A bloccarle un commando di sei persone che aprì il fuoco, prima sparando in aria, poi uccidendo l’autista. Gli assalitori avrebbero quindi portato il diplomatico e il carabiniere della scorta nella foresta dove esplose un conflitto a fuoco con una pattuglia di ranger e con forze dell’esercito locale. Uno scontro nel quale Iacovacci e Attanasio rimasero colpiti a morte. Inutile per il diplomatico un disperato viaggio verso l’ospedale di Goma.

Tratto da: Ansa

Criminalità Mondo