La California torna a bruciare. Diversi nuovi incendi hanno distrutto centinaia di ettari di terreno in un solo giorno nella Napa Valley, la valle del vino conosciuta in tutto il mondo. Il Glass Fire ha ridotto in cenere vigneti e strutture vicino a Sant’Elena, e le fiamme hanno raggiunto anche la famosa cantina Chateau Boswell. L’incendio minaccia circa 2.200 strutture, e oltre 1.800 persone sono già state costrette ad evacuare, come ha spiegato una portavoce della contea di Napa. Altre 5000 sono state sollecitate a lasciare la zona. In totale dal 26 agosto, quando sono iniziati i roghi in California, “ci sono stati 26 morti e oltre 7.000 strutture distrutte”, hanno fatto sapere i vigili del fuoco secondo quanto riporta l’Ansa in una nota.

Come scrivevamo tre giorni fa secondo gli scienziati, il cambiamento climatico è una delle cause principali dei recenti incendi che hanno imperversato in California. La loro analisi evidenzia “l’inequivocabile e pervasivo” ruolo del riscaldamento globale nel “migliorare” le condizioni e le probabilità che si sviluppino incendi della portata che abbiamo visto recentemente.

La California ora è esposta a maggiori rischi di sviluppare incendi rispetto a prima che gli esseri umani iniziassero ad alterare il clima, affermano gli autori. Qui di seguito l’articolo completo.

Vivere Informati

Fonte foto: virtù quotidiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.