Nuovo e odioso aumento delle bollette di luce e gas

Nuovo e odioso aumento delle bollette di luce e gas

Spread the love
Tempo di lettura: 2 min

Da ieri, 1° luglio 2021, scattano i nuovi aumenti per le bollette di luce e gas. E sono aumenti salati: del 15,3% sul gas e del 9,9% sull’energia elettrica. Questo è il risultato del nuovo aggiornamento trimestrale dei prezzi deciso dall’Arera (l’Authority di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ndr).

Eppure le tariffe di gas e luce erano già aumentate ad aprile scorso, rispettivamente del 3,9% in più per la luce e il 3,8% in più per il gas.

L’aumento così elevato delle tariffe per Nomisma dipenderebbe da un forte sprint del tasso di inflazione nei prossimi mesi.

Per una famiglia tipo (consumo annuo luce 2700 kWh e gas 1400 smc), secondo l’analisi di alcuni osservatori, l’incremento potrebbe arrivare fino a 300 euro l’anno.

Le motivazioni di questi aumenti sulle bollette sono da ricercare nella lenta ripresa economica prevista per i prossimi mesi. La risalita dei prezzi delle materie prime è stata immediatamente scaricata dalla logica di mercato su un aumento dei prezzi al consumo dell’energia.

Pensi che alle tue amiche e ai tuoi amici possa interessare questo articolo? Condividilo!

Istat, nel 2020 cresce la povertà assoluta, 5,6 milioni, record dal 2005

In una situazione in cui centinaia di migliaia di famiglie si trovano a fare i conti con una drastica riduzione dei redditi da lavoro (quasi 50 miliardi in meno) e del potere d’acquisto, aver liberalizzato le tariffe dei servizi produce questo effetto perverso e antipopolare contro cui le direttive europee e le leggi di mercato impediscono ogni intervento regolatore.

Fino agli anni Ottanta di fronte a questi scatti in avanti del carovita e delle tariffe, i sindacati avrebbero fermato il paese e le strade dei quartieri popolari sarebbero ribollite di assemblee furibonde e blocchi stradali.

Per ora assistiamo al silenzio più totale. Ma non è detto che questo silenzio sia destinato a durare ancora a lungo. L’accanimento con cui le classi dominanti e i loro istituti continuano a rovinare la vita di milioni di persone non è sopportabile all’infinito.

Tratto da: Contropiano

Attualità Economia Italia