Un nuovo studio rivoluzionario effettuato con immagini satellitari ad alta risoluzione analizzate con un algoritmo specifico ha evidenziato che, contrariamente all’opinione popolare, ci sono almeno 1,8 miliardi di alberi nei deserti del Sahel e del Sahara.

Un team di 24 scienziati provenienti da tutta Europa, Stati Uniti e Africa ha scoperto che la cosiddetta zona subumida è sorprendentemente piena di vita vegetale, costringendo a ripensare due dei principali deserti del mondo.

“Siamo rimasti molto sorpresi dal fatto che ci siano così tanti alberi che crescono nel deserto del Sahara”, ha affermato Martin Brandt, assistente professore di geografia all’Università di Copenaghen oltre che essere uno degli autori dello studio.

“Certamente ci sono vaste aree senza alberi, ma ci sono anche zone con un’alta densità di alberi, e anche tra le dune sabbiose, ci sono qua e là degli alberi che crescono”.

Segui Vivere Informati anche su Facebook e Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall’Italia e dal mondo

Il conteggio di singoli alberi su aree così vaste sarebbe un compito insormontabile.

Circa 11.000 immagini satellitari ad alta risoluzione, che si estendono su 1,3 milioni di chilometri quadrati (circa 500.000 miglia quadrate), sono state inviate a un algoritmo che lo stesso Brandt ha dovuto adattare.

Il conteggio finale avrebbe richiesto a milioni di persone anni di lavoro, ma è stato completato in poche ore, grazie al potente algoritmo. È in contraddizione con studi precedenti, che erano basati su stime, estrapolazioni e mappati vicino alla copertura arborea dello zero percento. Al contrario, il conteggio accurato e dettagliato di Brandt ha rivelato una densità di 13,4 per ettaro. 

La una notizia è ancora migliore, i numeri del nuovo studio sono probabilmente sottostimati, in quanto sono esclusi dal conteggio alberi o arbusti di piccole dimensioni.

Gli esperti che hanno esaminato la ricerca hanno affermato che presto sarà possibile mappare la posizione e le dimensioni di ogni albero nel mondo.

Vivere Informati

Fonte: RT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.