Kennedy Jr. mette in guardia i genitori sul pericolo dell’uso di vaccini COVID in gran parte non testati sui bambini

Kennedy Jr. mette in guardia i genitori sul pericolo dell’uso di vaccini COVID in gran parte non testati sui bambini

31 Luglio 2020 0 Di VivereInformati

Robert F. Kennedy Jr. mette in guardia contro la vaccinazione obbligatoria COVID-19 in un dibattito con il docente di diritto di Harvard Alan Dershowitz, sottolineando che “le parti fondamentali dei test” sono state “saltate”.

Martin Burger – LifeSiteNews – Venerdì 24 luglio 2020

L’avvocato ambientalista Robert F. Kennedy Jr. ha invitato gli americani ad essere cauti riguardo a qualsiasi nuovo vaccino contro il coronavirus, sottolineando che alcune parti fondamentali dei test sono state saltate.

“Il vaccino Moderna, che è il candidato principale, non è stato del tutto testato sugli animali”, ha detto Kennedy, durante un dibattito online sulle vaccinazioni obbligatorie con il famoso docente di diritto di Harvard Alan Dershowitz. Il dibattito è stato trasmesso da Valuetainment e condotto da Patrick Bet-David.

Kennedy fa parte di una famiglia di politici, essendo figlio del senatore Robert F. Kennedy e nipote del presidente John F. Kennedy, entrambi assassinati negli anni ’60.

Un altro aspetto della sperimentazione è stato altrettanto insoddisfacente, ha affermato Kennedy. Il vaccino Moderna è stato testato “su 45 persone”: un gruppo ad alto dosaggio di 15, un altro a medio dosaggio di 15 e uno a bassa crescita di 15″.

Nel gruppo a basso dosaggio, una delle persone risultava talmente malata a causa del vaccino da dover essere ricoverata in ospedale”, ha spiegato. ” Si tratta del sei per cento. Nel gruppo ad alto dosaggio, tre persone si sono ammalate a tal punto da dover essere ricoverate in ospedale. E’ il venti per cento“.

Nonostante questi significativi problemi, “vanno avanti preparando due miliardi di dosi di quel vaccino“.

Un altro problema del vaccino per il coronavirus è che non è testato su “tipici americani”, ma su un gruppo accuratamente selezionato di persone che non soffrono di particolari patologie.

“Usano quelli che chiamano criteri di esclusione”, ha detto Kennedy. “Stanno somministrando questi vaccini solo nei test che effettuano sulle persone più sane“.

“I loro criteri di esclusione”: non puoi essere incinta, non puoi essere in sovrappeso, non devi aver mai fumato una normale sigaretta o sigaretta elettronica o non devi avere problemi respiratori in famiglia, non puoi soffrire di asma, non puoi avere il diabete, non puoi avere l’artrite reumatoide o qualsiasi malattia autoimmune. In famiglia non deve esserci alcun precedente di epilessia. Queste sono le persone su cui stanno testando il vaccino”.

Ha chiesto: “Cosa succede quando li somministrano al tipico americano? Sapete, Sally la sbronzona e Joe il ciccione che è in sovrappeso di 50 chili e ha il diabete”.

Kennedy ha più volte ribadito che “qualsiasi altro farmaco… che avesse quel tipo di profilo nello studio iniziale di fase uno sarebbe [morto sul nascere]”.

Con il profilo di rischio di Moderna, nessun prodotto medico al mondo potrebbe essere messo in commercio “, ha ribadito.

Nel corso del dibattito, Kennedy ha anche parlato dei vaccini che la maggior parte delle persone assume regolarmente, da quello contro l’epatite B al vaccino antinfluenzale, sottolineando che non è mai stato fatto un test adeguato, obbligatorio per qualsiasi altro farmaco. I vaccini “sono l’unico prodotto medico la cui sicurezza non deve essere sperimentata a fronte di un placebo”, ha spiegato.

In uno studio con placebo, ad un gruppo di persone viene iniettato il vaccino vero e proprio, mentre ad un altro gruppo viene iniettata una soluzione salina, che non avrebbe alcun effetto nella prevenzione di una particolare malattia. Le persone che fanno parte dello studio vengono poi osservate per vedere se ci sono differenze tra i due gruppi, sia per quanto riguarda la malattia contro la quale è stato vaccinato, sia per quanto riguarda gli effetti collaterali.

Poiché questi test non vengono mai effettuati sui vaccini, “nessuno conosce il profilo di rischio di qualsiasi vaccino attualmente in programma”. E questo significa che nessuno può dire con certezza scientifica che quel vaccino prevenga più malattie e morti di quante ne causi”.

In realtà, dovrebbe essere il contrario, ha detto Kennedy, e i vaccini dovrebbero essere testati in modo ancora più approfondito di qualsiasi altro farmaco.

“Parliamo di un trattamento medico che viene somministrato a persone perfettamente sane per evitare che qualcuno si ammali”, ha sottolineato. “Ed è l’unica medicina che viene data a persone sane… e in particolare ai bambini che hanno tutta una vita davanti a loro”. Quindi ci si aspetterebbe che quel particolare trattamento avesse delle garanzie di sicurezza particolarmente rigorose”.

Kennedy ha affermato che “non è ipotetico che i vaccini causino danni, e che tali danni non siano rari. I tribunali dei vaccini hanno pagato quattro miliardi di dollari” negli ultimi tre decenni, “e (secondo quanto ammette il Dipartimento della Salute e dei Servizi sociali) dato il costo per adire un tribunale dei vaccini e ottenere una sentenza, meno dell’uno per cento delle persone danneggiate arriva in tribunale“.

Ha menzionato un altro motivo per non fidarsi ciecamente di qualsiasi azienda che attualmente produce vaccini negli Stati Uniti. Ognuno dei quattro produttori di vaccini “è un criminale seriale condannato”: GlaxoSanofi, PfizerMerck” (n.d.t., al riguardo si veda anche “Chi è AstraZeneca?”).

“Proprio nell’ultimo decennio, queste aziende hanno pagato 35 miliardi di dollari in sanzioni penali, danni, multe, per aver mentito ai medici, frodato e falsificato la scienza e per aver ucciso consapevolmente centinaia di migliaia di americani“.

” Chiunque comprenda la cultura aziendale criminale di queste quattro società, deve avere una dissonanza cognitiva”, ha commentato Kennedy, “per credere che non facciano per i vaccini quello che hanno fatto per ogni altro prodotto”.

Sebbene Kennedy venga spesso presentato come “NoVax”, di fatto ha sottolineato che non si oppone ai vaccini in quanto tali. Ha accusato i suoi critici di tentare di “emarginarlo e metterlo a tacere”, travisando la sua reale posizione.

A maggio, Kennedy ha firmato un appello lanciato dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò per sensibilizzare l’opinione pubblica, i governi, gli scienziati e i media sui gravi pericoli che la diffusione di Covid-19 ha causato alle libertà individuali.

Uno specifico passaggio dell’appello ha suscitato preoccupazioni circa una vaccinazione COVID-19 in relazione alle libertà umane.

“Chiediamo inoltre ai leader di governo di garantire che vengano rigorosamente evitate forme di controllo sulle persone, sia attraverso sistemi di tracciamento che qualsiasi altra forma di localizzazione”. La lotta contro il Covid-19, per quanto seria, non deve essere il pretesto per sostenere le intenzioni nascoste di organismi sovranazionali che hanno interessi commerciali e politici molto forti in questo programma. In particolare, ai cittadini deve essere data la possibilità di rifiutare le restrizioni alla libertà personale, senza che venga imposta alcuna sanzione a coloro che non desiderano utilizzare vaccini, la tracciabilità dei contatti o qualsiasi altro strumento simile“.

L’appello ha chiarito che per i cattolici è “moralmente inaccettabile sviluppare o utilizzare vaccini derivati da materiale proveniente da feti abortiti“.

I commenti sul video di YouTube del dibattito tra Kennedy e Dershowitz hanno indicato, quasi all’unanimità, che Kennedy aveva vinto il dibattito. Dershowitz ha ammesso molti punti sostenendo, tuttavia che, dal punto di vista del diritto costituzionale, il vaccino contro il coronavirus potrebbe essere reso obbligatorio.

Dershowitz, che ha fornito consulenza legale e ha difeso personaggi come Donald Trump, Jeffrey Epstein e Julian Assange, ha citato come precedente una sentenza della Corte Suprema del 1905, Jacobson contro il Massachusetts, che ha sostenuto la facoltà degli Stati di far applicare le leggi sulle vaccinazioni obbligatorie.

Kennedy ha chiarito che il governo statale dell’epoca aveva offerto alle persone di essere vaccinate o di pagare una multa di cinque dollari. L’argomentazione di Dershowitz, tuttavia, era che sulla base della legge costituzionale, incluso questo precedente, “lo stato ha il potere di portarti letteralmente in uno studio medico e di infilarti un ago nel braccio”.

Kennedy ha ribattuto: “Penso che ci sia un grande abisso costituzionale tra quel provvedimento, che è pagare una multa, ed effettivamente andare a prendere qualcuno e bloccarlo a terra per iniettargli il vaccino con la forza“.

Il presidente Trump ha già dichiarato che il nuovo vaccino contro il coronavirus non sarebbe obbligatorio, ma disponibile per coloro “che lo vogliono fare. Non tutti lo vorranno”. Una petizione di LifeSiteNews che dice no alle vaccinazioni obbligatorie ha raccolto più di 650.000 firme e può ancora essere firmata qui.

La questione etica di molti vaccini derivati da linee cellulari di feti abortiti non è stata discussa durante il dibattito.

Martin Bürger è nato e cresciuto in Germania. Ha studiato teologia all’Istituto Teologico Internazionale in Austria e si è laureato con un master nel 2017. Scrive per le pubblicazioni cattoliche in Germania e in Austria sin dal liceo.

Fonte: ComeDonChisciotte