Autostrade: Alle 22 il Cdm. M5s: ‘Commissario per avvio revoca’

Autostrade: Alle 22 il Cdm. M5s: ‘Commissario per avvio revoca’

14 Luglio 2020 0 Di VivereInformati

ll Consiglio dei ministri che vedrà sul tavolo l’informativa del premier Giuseppe Conte su Autostrade, a quanto si apprende, si terrà alle 22 di questa sera. La riunione era prevista, inizialmente, per questa mattina alle 11 ma una convocazione ufficiale non era ancora arrivata. Sul tavolo del Cdm ci dovrebbe inoltre essere il Dpcm per le nuove misure di contenimento anti-Covid; quelle attualmente in vigore scadono oggi. 

Sul piatto anche l’ipotesi commissariamento. “E’ l’unico modo per avviare la revoca”, dice Giancarlo Cancelleri, viceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, (M5S) a Rai Radio1 Radio anch’io rispondendo a una domanda sull’ipotesi del commissariamento, che, prosegue il viceministro: “Avviene attraverso la revoca di Aspi per cui non si perde neanche un posto di lavoro”. “La società – dice Cancelleri- continuerebbe a lavorare attraverso un commissario governativo. Dopodiché si mette al bando la concessione. Poi c’è il tema dei controlli di sicurezza. Noi come M5s stiamo proponendo che Anas subentri solo nella parte di controlli di sicurezza.” E poi ancora: “Io oggi credo che il consiglio dei Ministri sia chiamato a prendere una decisione politica. Gli atti conseguenziali arriveranno dopo. Non dico che ci sia la revoca se dovessero arrivare delle proposte all’ultimo minuto da parte di Aspi che vanno nella direzione che è stata più volte indicata dal premier Conte. Ma questo deve contemplare la fuoriuscita totale dall’azionariato da parte di Benetton” .

Oggi – dunque – il premier farà la sua informativa in Cdm, il rischio della conta è dietro l’angolo.

Perché il dossier Aspi riapre la falla tra Conte e Iv. “No a slogan populisti, la revoca è facile da dire, difficile da fare”, sottolinea Matteo Renzi mentre in serata Michele Anzaldi, schierandosi di fatto al fianco di Matteo Salvini che annunciava una segnalazione alla Consob sulle parole del premier, attacca: “il crollo di Atlantia in Borsa ha danneggiato migliaia di piccoli azionisti.E’ inevitabile una verifica dell’organo di vigilanza”.

Sulla linea dura, oltre a Leu si allinea anche il Pd, e lo fa con Nicola Zingaretti: “La lettera di Aspi è deludente, i rilievi del premier sono giusti“, spiega il segretario Dem, che chiede un assetto societario che veda lo Stato al centro di una nuova compagine azionaria. Rilievi, quelli di Conte, che il premier in una doppia intervista a La Stampa e al Fatto Quotidiano, mette nero su bianco: “I Benetton ci prendono in giro, questo governo non accetterà di sacrificare il bene pubblico sull’altare dei loro interessi privati”. L’intervista arriva come un macigno nel dibattito politico e sui mercati con il tonfo del titolo di Aspi in Borsa.

Forse perché dentro c’è anche, come socio di minoranza, la tedesca Allianz. Il blitz di Conte, di certo, mette in allarme l’altro socio di minoranza, il fondo cinese Road Silk, che, chiede “notizie” all’ambasciatore italiano a Pechino.

Alle 22, dunque, il dossier ci sarà. “Tutti i ministri saranno nelle condizioni di conoscere i dettagli” della vicenda, “ora è necessaria una decisione”, ribadisce il premier. Riunione che non sarà decisiva per le sorti di Aspi ma durante la quale non è esclusa una conta con tanto di nuovo scontro interno al governo. “Non arretreremo”, avverte il capo politico Vito Crimi. “Abbiamo massima fiducia nelle parole di Conte”, sottolinea Luigi Di Maio attaccando, allo stesso tempo, Matteo Salvini: “falso e ipocrita, al governo era alleato dei Benetton”.

Resta da vedere se davvero il governo arriverà ad imporre una revoca ( o una decadenza del contratto, che potrebbe avere ripercussioni finanziarie minori). Il dl milleproroghe dà a Conte la possibilità di farlo. Le conseguenze economiche e politiche sono tutte da decifrare. “In caso di revoca abbiamo delle soluzioni”, assicura il premier gettando acqua sul fuoco dalla Germania.

Tratto da: Ansa

Fonte foto: Open