Tiro a bersaglio. Israele uccide a sangue freddo giovane palestinese a Salfit

Tiro a bersaglio. Israele uccide a sangue freddo giovane palestinese a Salfit

10 Luglio 2020 0 Di VivereInformati

di Paola Di Lullo
 
Si chiamava Ibrahim Mustafa Yaqoub ed aveva 29 anni.

Poco fa,  l’esercito israeliano gli ha sparato al collo nel villaggio di Kafel Haris a Salfit.
 
No, niente coltelli né presunti “attentati”, nessuna violazione checkpoint, nessuna intimazione di Alt, Ibrahim si trovava di fronte a una casa sulla strada principale con amici.
 
Esercito e coloni hanno aperto il fuoco in modo casuale e folle, colpendo a morte Ibrahim e ferendo al piede Muhammad Abd al-Salam, 17 anni.
 
Ucciso a sangue freddo e senza nemmeno la decenza di inventare un motivo “plausibile”.
 
Era palestinese, Ibrahim, non c’è bisogno di altra ragione per assassinarlo.

Tratto da: L’Antidiplomatico