Studio IISS: La corsa agli armamenti degli USA ha causato un aumento senza precedenti delle spese militari in tutto il mondo negli ultimi dieci anni

Studio IISS: La corsa agli armamenti degli USA ha causato un aumento senza precedenti delle spese militari in tutto il mondo negli ultimi dieci anni

16 Febbraio 2020 0 Di VivereInformati

Gli Stati Uniti hanno aumentato il bilancio militare di $ 53,4 miliardi tra il 2018 e il 2019. Questa cifra, che è equivalente a quasi l’intero bilancio militare del Regno Unito, ha influenzato la spesa militare in tutto il mondo nel 2019 che, di fatto, è salita a livelli senza precedenti nell’ultimo decennio, secondo i dati pubblicati ieri dall’International Institute for Strategic Studies of the United Kingdom (IISS).

“L’aumento del bilancio militare americano è stato il maggiore degli ultimi 10 anni e da quando il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è entrato in carica, le spese militari continuano ad aumentare ogni anno”, ha dichiarato Lucie Béraud-Sudreau, ricercatrice IISS.
 
Béraud-Sudreau ha avvertito che gli Stati Uniti, allo stesso tempo, “stanno riducendo” l’assistenza finanziaria fornita ai progetti di difesa dei suoi alleati.

Secondo le informazioni fornite da Military Data 2020, gli Stati Uniti guidati da Trump stanno aumentando ogni anno “le loro spese per la guerra”, e continuano a occupare la prima posizione mondiale in spese militari più elevate, con oltre 600 miliardi di dollari nell’ultimo anno. Seguiti dalla Cina, con oltre 180 miliardi di dollari.
 
I rivali sia economici che militari hanno registrato un aumento del 6, 6% nel 2019, rispetto al precedente, si legge nello studio.
 
In una sorta di effetto domino,  il bilancio della difesa di oltre 170 paesi è aumentato del 4% nel 2019 rispetto all’anno precedente a causa dell ‘”instabile ambiente di sicurezza internazionale”, si legge nel rapporto.
 
La pubblicazione stabilisce una relazione diretta tra l’incertezza sulla sicurezza internazionale e le posizioni statunitensi, che, ad esempio, si sono ritirati nel 2002 dal Trattato sui missili antibalistici (ABM) e hanno abbandonato nel 2019 il Trattato sulle forze nucleari di portata intermedia (INF), firmato nel 1987 con l’ex Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Né intende estendere il Trattato di riduzione delle armi strategiche (START III).

Sebbene le decisioni prese dal presidente repubblicano degli Stati Uniti. hanno  scioccato  anche gli alleati di Washington, non si deve dimenticare che la politica estera dei presidenti democratici non ha giovato al mondo.
 
In effetti, negli Stati Uniti ha lanciato il suo primo attacco militare contro la Siria nel 2011, durante il secondo mandato dell’allora presidente democratico Barack Obama (2009-2016). E non appena è iniziata la crisi, ha rafforzato la presenza militare degli Stati Uniti in quel paese arabo ricco di riserve di petrolio e geograficamente cruciale.
 
Quasi tutti i candidati presidenziali statunitensi promettono di porre fine alle guerre che mantengono in tutto il mondo, ma, una volta entrati alla Casa Bianca, sono coinvolti in nuovi conflitti armati, sia per guadagno economico che per la loro sete di mantenere lo status di potere imperialista a livello mondiale.

Fonte: L’Antidiplomatico