L’avvocato di Assange assicura che ci sono molte prove sullo spionaggio ai danni del suo assistito, incluso un microfono in bagno

L’avvocato di Assange assicura che ci sono molte prove sullo spionaggio ai danni del suo assistito, incluso un microfono in bagno

8 Febbraio 2020 0 Di VivereInformati

Il principale indagato per le attività di spionaggio che Julian Assange ha subito è apparso davanti al tribunale nazionale di Madrid. Si tratta di David Morales, proprietario della società spagnola UC Global, che ha gestito la sicurezza dell’ambasciata ecuadoriana a Londra tra il 2015 e il 2018, dove si era rifugiato il fondatore di WikiLeaks.

Nelle sue dichiarazioni, Morales ha affermato che è stato lo stesso governo dell’Ecuador a richiedere l’implementazione di metodi di ascolto perché era preoccupato che l’attivista avrebbe potuto incontrare “criminali”, secondo le  sue parole riferite dai media spagnoli.
 
A questo proposito, Aitor Martínez, avvocato della squadra di difesa di Julian Assange, ha dichiarato a RT che esiste un gran numero di prove secondo le quali la società avrebbe trasferito i risultati dell’attività di spionaggio sgli Stati Uniti. Le prove includono copie complete di “migliaia di passaporti” di visitatori ed e-mail con “obiettivi di spionaggio prioritari” , tra gli altri documenti. 

Fonte: L’Antidiplomatico