Ultime news: voli di ricognizione dell’aviazione Usa in zona Crimea, respinti dalla Russia

Ultime news: voli di ricognizione dell’aviazione Usa in zona Crimea, respinti dalla Russia

23 Gennaio 2020 0 Di VivereInformati

Poche ore fa, il veicolo aereo senza pilota strategico americano, RQ-4 Global Hawk e il velivolo di intelligence elettronica Boeing RC-135, hanno effettuato una provocazione vicino al ponte di Crimea.
Come risulta dai dati del servizio di radar aereo, due aerei americani si sono avvicinati ai confini dello spazio aereo della Russia, dirigendosi direttamente verso il ponte di Crimea e girando quasi ai confini della Federazione Russa.

Ponte sulla Crimea


Quale sia esattamente la ragione dell’avvicinarsi di due aerei da ricognizione militari ai confini della Federazione Russa, al momento è ancora sconosciuta, tuttavia gli esperti prestano attenzione al fatto che il numero di casi di apparizione di aerei militari stranieri ai bordi dei confini russi sono aumentati drasticamente e, spesso, si tratta di creare situazioni francamente provocatorie.
Va chiarito che, oltre ai due aerei sopra menzionati, un altro aereo da ricognizione dell’aeronautica statunitense, il Boeing RC-135, si trovava anche vicino al confine con la Crimea, e che questo è stato visto nella parte occidentale della penisola di Crimea, il che potrebbe indicare un tentativo di condurre di ricognizione dei confini del paese su larga scala.

Posizione rilevata degli aerei USA


Nota: nella penisola di Crimea sono posizionati sistemi di difesa antiaerea S-400 delle forze russe in grado di intercettare ed abbattere aerei da guerra e missili balistici e da crociera che volano a una velocità fino a 4,8 km/s (17.000 km/h). Il sistema può individuare fino a 36 obiettivi contemporaneamente in un raggio che va da 30 a 400 km in base al tipo di missile utilizzato.

Fonte: Veteranstoday, Controinformazione.info