A rischio l’ultimo trattato di controllo degli armamenti rimasto in vigore tra Russia e Stati Uniti

A rischio l’ultimo trattato di controllo degli armamenti rimasto in vigore tra Russia e Stati Uniti

20 Novembre 2019 0 Di VivereInformati

La possibilità che gli Stati Uniti e la Russia non estendano il nuovo Trattato di riduzione delle armi strategiche (START) è diventata realistica, secondo il rappresentante permanente russo presso le organizzazioni internazionali di Vienna, Mikhail Ulyanov.

“L’intero sistema di controllo degli armamenti ha subito un grave colpo e un ulteriore peggioramento di questo processo comporterà una crescente instabilità, mancanza di prevedibilità e così via. Questa è una prospettiva molto negativa. Il tempo per raggiungere un accordo sulla nuova estensione START è agli sgoccioli e non sono stati compiuti passi pratici in questa direzione. Certamente, tale prospettiva diventa più realistica”, ha detto lunedì Ulyanov.

Ricordiamo che l’accordo START (acronimo dell’espressione inglese Strategic Arms Reduction Treaty) è uno degli accordi internazionali tesi a limitare o a diminuire gli arsenali di armi di distruzione di massa, come le armi nucleari, sapendo che il numero molto alto di tali armamenti pone un serio pericolo di distruzione completa del pianeta. Il trattato fu firmato tra gli Stati Uniti e l’URSS, e proibiva ai suoi firmatari di produrre più di 6000 testate nucleari e massimo 1600 ICBM, missili balistici lanciati da sottomarini e bombardieri. Lo START è stato il più vasto e il più complesso trattato di controllo sulle armi atomiche, e, con la sua revisione finale nel tardo 2001, ha comportato l’eliminazione dell’80% delle armi nucleari in circolazione.

All’inizio di novembre, il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov ha espresso le preoccupazioni di Mosca per la mancanza d’interesse per gli Stati Uniti nel rinnovo del trattato, che scade nel febbraio 2021.

New START è l’ultimo trattato di controllo degli armamenti rimasto in vigore tra Russia e Stati Uniti. Stabilisce che il numero di lanciatori di missili nucleari strategici deve essere dimezzato e limita il numero di testate nucleari strategiche dispiegate a 1.550.


Fonte:SputnikItalia, Wikipedia