La Cina rompe il dominio del debito occidentale sul mondo

La Cina rompe il dominio del debito occidentale sul mondo

8 Novembre 2019 0 Di VivereInformati

di Peter Koenig (*)

L’Occidente ha colonizzato, sfruttato, devastato e assassinato la gente del Sud del mondo per centinaia di anni. Fino alla metà del XX secolo l’Europa aveva occupato l’Africa e gran parte dell’Asia.

In America Latina, sebbene gran parte del subcontinente sia stato “liberato” dalla Spagna e dal Portogallo nel 19 ° secolo – un nuovo tipo di colonizzazione si era istaurata mediante il nuovo impero degli Stati Uniti – sotto la cosiddetta Monroe Dottrina, che prende il nome dal presidente James Monroe (1817-1825), che aveva vietato agli europei di interferire in qualsiasi parte del “territorio americano”.

L’America Latina era allora ed è considerata di nuovo oggi il cortile interno (“patio trasero”) di Washington.

Negli ultimi dieci anni, Washington ha rilanciato la “Monroe Doctrine 2.0”. Questa volta espandendo il suo controllo politico sulle interferenze che provengono oltre l’Europa – nel mondo. Ai governi sovrani democratici in America Latina non viene consentito da Washington di scegliere liberamente le loro alleanze politiche ed economiche nel mondo che siano per loro utili.
La Cina, stipulando accordi di partenariato con i paesi dell’America Latina, ricercati vivamente da questi ultimi – è condannata e considerata una minaccia dagli Stati Uniti e dall’Occidente, in particolare dai vassalli dell’Europa .

Pertanto, i governi di centro sinistra eletti democraticamente dovevano essere sottoposti a “cambiamenti di regime” – in Honduras, Argentina, Cile, Ecuador, Brasile, Perù, Paraguay. Finora si sono imbattuti in sforzi verso il Venezuela, Cuba, Nicaragua – e forse in Messico.

Il Venezuela e Cuba subiscono un tentativo di strangolamento economico fino allo sfinimento. Ma sono alti come pilastri nella difesa del continente latinoamericano – con assistenza economica e consulenza militare da Cina e Russia.

L’America Latina si sta svegliando, così come l’Africa.

In America Latina, le proteste di strada contro il dominio di USA / FMI che hanno imposto una trappola del debito e programmi di austerità consequenziali, che rendono i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri, stanno imperversando in Honduras, Nicaragua, Ecuador, Cile, Argentina e persino in Brasile. In Argentina, in un’elezione democratica lo scorso fine settimana, il 27 ottobre, il popolo ha deposto il presidente neoliberista Macri.

Questo Macrì era stato messo alla presidenza tramite elezioni “truccate” da Washington nel 2015. Macri ha rovinato il paese che era prospero nel suo governo di 4 anni. Ha privatizzato i servizi pubblici e le infrastrutture, l’istruzione, la sanità, i trasporti – e altro, portando a forti aumenti delle tariffe, licenziamenti dei lavoratori, disoccupazione e povertà.

La povertà, a circa il 15% nel 2015, quando Macri è entrato in carica, è salita a oltre il 40% a ottobre 2019.

Nel 2018 Macri ha contratto il più grande prestito del FMI di 57,2 miliardi di dollari: una trappola del debito, se mai ce ne fosse una. Il nuovo governo di centrosinistra Fernandez-appena eletto, dovrà escogitare programmi per contrastare l’impatto di questo enorme debito.

In tutta l’America Latina, le persone hanno avuto abbastanza dell’austerità imposta dagli Stati Uniti /dal FMI , dal dominio anglo USA e dallo sfruttamento simultaneo delle loro risorse naturali. Vogliono il cambiamento – grande stile. Cercano di staccarsi dalla stretta economica e finanziaria dell’Occidente. Stanno cercando la Cina e la Russia come nuovi partner nel commercio e nei contratti finanziari.

Lo stesso in Africa – il neocolonialismo dell’Occidente, principalmente della Francia e del Regno Unito, attraverso l’oppressione finanziaria, accordi commerciali sleali e leader occidentali imposti – e militarmente protetti – dispotici e corrotti, ha mantenuto l’Africa povera e desolata dopo più di 50 anni di denominata indipendenza. L’Africa è probabilmente ancora il continente con le più importanti risorse naturali che l’occidente brama e ha bisogno per preservare il suo stile di vita lussuoso e il suo armamento continuo.

Africani inneggiano alla Cina

Le persone che non si conformano, in particolare i politici e gli economisti più giovani, che protestano e parlano, perché vedono chiaramente attraverso i crimini economici imposti dall’Occidente, commessi su base giornaliera, vengono semplicemente assassinate o messe a tacere.

Anche qui, gli africani stanno cercando silenziosamente di uscire dagli artigli del neocolonialismo occidentale , alla ricerca di nuove relazioni con Cina e Russia. Il recente vertice russo-africano a Sochi è stato un chiaro esempio.

La Cina è invitata a costruire infrastrutture, treni veloci, strade, porti e parchi industriali – e la Belt and Road Initiative (BRI) è più che benvenuta in Africa, poiché prevede uno sviluppo comune ed equo a vantaggio di tutti. BRI è l’epitome per la costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità.

La Cina offre anche un rilascio graduale dagli artigli del debito in dollari dominati dagli Stati Uniti / occidentali. Liberare un paese dall’economia basata sul dollaro, lo sta liberando dalla vulnerabilità delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti / occidentali. Questo è un enorme sollievo che spera letteralmente in tutti i paesi del Sud del mondo – e forse anche in Europa -.

Tuttavia, come prevedibile, l’Occidente, guidato dagli Stati Uniti dell’Amministrazione Trump, sta spingendo la Cina a impegnarsi nella “diplomazia della trappola del debito”. Esattamente il contrario di ciò che sta realmente accadendo.

La verità è, tuttavia, che i paesi di tutto il mondo, siano essi in Africa, Asia, Sud Pacifico e America Latina, stanno scegliendo di collaborare con la Cina per loro libero arbitrio. Secondo una dichiarazione di un politico africano di alto livello “La Cina non ci costringe né ci costringe a concludere un accordo, siamo liberi di scegliere e negoziare una situazione vantaggiosa per tutti”.

La differenza tra ovest e est è netta. Mentre chiunque e tutti i paesi che non sono d’accordo con il dettato e la dottrina degli Stati Uniti rischiano di cambiare regime o di essere bombardatila Cina non impone la sua nuova Via della Seta – la BRI – a nessun paese. La Cina invita, rispettando la sovranità nazionale. Chi vuole partecipare è invitato a farlo. Ciò vale tanto per il Sud del mondo, quanto per l’Europa.

Il presidente cinese Xi Jinping ha lanciato il BRI nel 2013. Nel 2014 il signor Xi ha visitato la signora Merkel in Germania, offrendole di essere in quel momento il collegamento più occidentale con il BRI. La signora Merkel sotto l’incantesimo di Washington, ha rifiutato.

Confronto commerciale monetario Cina- USA

Il presidente Xi è tornato e la Cina ha continuato a lavorare tranquillamente su questo favoloso progetto di sviluppo economico mondiale – BRI – L’avventura economica del 21 ° secolo, così grande che è stato incorporato nel 2017 nella Costituzione cinese.

All’ Occidente, tuttavia, sono stati necessari 6 anni per riconoscere questa nuova versione della via della seta più di 2000 anni. Solo nel 2019, i media mainstream occidentali hanno iniziato a riferire sulla BRI – e sempre in modo negativo, ovviamente. La predicazione era ed è tuttora – attenti al Drago Cinese, domineranno te e tutto ciò che possiedi con il loro socialismo.

Questo treno di pensiero è tipicamente occidentale. L’aggressività sembra essere nei geni delle società occidentali, della cultura occidentale, come stanno dimostrando le centinaia di anni di colonizzazione e sfruttamento violenti e dispotici – e in corso. Ha a che fare con le dottrine monoteistiche occidentali? – Questa è pura speculazione, ovviamente.

Ancora una volta, la verità è multipla. – In primo luogo, la Cina non ha una storia di invasioni. La Cina cerca uno sviluppo pacifico ed egualitario del commercio, della scienza e soprattutto del benessere umano – una tradizione Tao di non aggressione. In secondo luogo, nonostante gli “avvertimenti” del trono dell’impero in caduta, circa un centinaio di paesi si sono già abbonati per partecipare alla BRI – e questo volontariamente.

E in terzo luogo, la Cina e la Russia e insieme a loro l‘Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO) hanno stretto una solida alleanza economica e di difesa che comprende quasi la metà della popolazione mondiale e circa un terzo della produzione economica totale dei globo.

Pertanto, i membri della SCO sono – o potrebbero essere, se lo desiderano – in gran parte distaccati dall’egemonia del dollaro. Il sistema di trasferimento monetario occidentale, gestito privatamente e gestito da Wall Street, SWIFT, non è più necessario per i paesi SCO. Operano in valute locali e / o attraverso il sistema di pagamento interbancario cinese (CIPS).

Non è un segreto che l’impero, con sede a Washington, stia gradualmente decadendo, sia economicamente che militarmente. È solo una questione di tempo. Quanto tempo è difficile da indovinare. Ma il comportamento quotidiano di Washington di emettere sanzioni a destra e sinistra, interrompere le transazioni monetarie internazionali, confiscare e rubare beni di altri paesi in tutto il mondo, mette sempre più chiodi nella bara dell’Impero.

In questo modo, l’America stessa sta commettendo un suicidio economico e monetario. Chi vuole appartenere a un sistema monetario che può agire volenti o nolenti a scapito di un altro paese? Non è necessario alcun aiuto esterno per far cadere questo sistema monetario fiat sponsorizzato dagli Stati Uniti. È un castello di carte che si sta già sgretolando per il suo stesso peso.

Il dollaro USA era circa 20-25 anni fa ancora in sintonia con il 90% della valuta di riserva dominante nel mondo. Oggi questa percentuale è scesa a meno del 60% e sta diminuendo. Viene sostituito principalmente dallo yuan cinese come nuova valuta di riserva.

Questo è ciò di cui parla con la guerra commerciale avviata dagli Stati Uniti – screditando lo yuan, una moneta solida, basata sull’economia cinese – e sull’oro. “Sanzionare” l’economia cinese con le tariffe statunitensi, dovrebbe danneggiare lo yuan, per ridurre la sua concorrenza con il dollaro come valuta di riserva mondiale. Un tentativo Inutile.

Lo yuan è una valuta solida riconosciuta in tutto il mondo, la valuta della seconda economia più grande. Secondo alcuni standard, come spiegato dal PPP (parità di potere d’acquisto), l’indicatore socioeconomico più importante per l’umanità, la Cina è dal 2017 l’economia numero uno al mondo.

Questo, e altri continui attacchi di Washington, è un tipico gesto disperato di una bestia morente, che si agita selvaggiamente a sinistra, a destra, in alto e in basso attorno a sé per far cadere nella sua tomba il maggior numero possibile di avversari percepiti. Esiste ovviamente il chiaro pericolo che questa lotta per la sopravvivenza dell’impero possa finalizzarsi con uno scontro sul nucleare – dio non voglia!

La politica, la filosofia e la diplomazia di non aggressione della Cina e della Russia potrebbero salvare il mondo dall’estinzione, compresa la popolazione degli Stati Uniti d’America.

*Peter Koenig è un economista e analista geopolitico. Dopo aver lavorato per oltre 30 anni con la Banca mondiale, ha scritto Implosion , un thriller economico, basato sulla sua esperienza diretta. In esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook. ”

Fonte: Global Research, Controinformazione.info

Traduzione: Luciano Lago