Mosca ha duramente attaccato gli Stati Uniti per aver negato i visti a diversi membri della delegazione russa all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA)

Mosca ha duramente attaccato gli Stati Uniti per aver negato i visti a diversi membri della delegazione russa all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA)

24 Settembre 2019 0 Di VivereInformati

Mosca ha duramente attaccato gli Stati Uniti per aver negato i visti a diversi membri della delegazione russa all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA), affermando che tale misura contravviene agli impegni internazionali degli Stati Uniti.

In una dichiarazione di martedì, il ministero degli Esteri russo ha affermato che sono stati negati i visti a 10 membri della delegazione russa alla sessione dell’ONU, inclusi sette impiegati del ministero e Leonid Slutsky, il capo della commissione per gli affari internazionali della camera bassa russa, come segnalato dalla Interfax .

Il ministero ha anche dichiarato “insostenibili” i riferimenti degli Stati Uniti a ragioni tecniche per negare i visti.

Il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha definito la misura degli Stati Uniti “scandalosa”, dicendo che Mosca avrebbe risposto in natura.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che il rifiuto degli Stati Uniti di fornire visti ai delegati russi delle Nazioni Unite merita una dura risposta da parte di Mosca e delle Nazioni Unite.

Come governo ospitante, gli Stati Uniti sono generalmente obbligati a rilasciare visti ai diplomatici che prestano servizio presso la sede delle Nazioni Unite.

Interfax ha citato la portavoce del ministero Maria Zakharova affermando che il ministro degli Esteri Sergei Lavrov avrebbe discusso della questione con il suo omologo americano Mike Pompeo a New York.

In una simile misura ostile, gli Stati Uniti hanno anche rifiutato di rilasciare visti agli aiutanti del presidente iraniano Hassan Rouhani e alla squadra di giornalisti, che lo avrebbero accompagnato a New York.

Il portavoce dell’amministrazione iraniana ha affermato che la Casa Bianca tiene in ostaggio il quartier generale delle Nazioni Unite.
Gli Stati Uniti avevano anche ritardato il rilascio dei visti per il presidente Rouhani e altri funzionari iraniani.
“Il presidente iraniano è soggetto a restrizioni nei suoi spostamenti a New York”

Nel frattempo, anche la AFP ha citato diplomatici affermando che il governo degli Stati Uniti ha imposto rigide restrizioni di viaggio al presidente Rouhani.

Sotto tali restrizioni, al presidente Rouhani non è consentito di spostarsi più lontano dal quartier generale delle Nazioni Unite, che si trova sul lato orientale dell’isola di Manhattan.

Un funzionario delle Nazioni Unite ha affermato che in passato gli Stati Uniti hanno imposto simili limiti ad altri leader stranieri, tra cui il defunto Fidel Castro di Cuba, che non erano in buoni rapporti con Washington.

Restrizioni simili sono state imposte al personale della missione iraniana presso le Nazioni Unite fino da luglio.

Sergei Ryabkov ha protestao all’ONU per le limitazioni imoste alla delegazione russa

Nota: In passato vari diplomatici sottoposti a tali retrizioni hanno fatto richiesta all’ONU di spostare la sede dell’Assemblea Generale in un paese neutrale. Questo per evitare le restrizioni che gli USA applicano ai diplomatici di paesi ostili a Washington. Si prevede che la richiesta verrà rinnovata quest’anno, dal momento che il numero di paesi i cui diplomatici sono sottoposti a restrizioni da Washington è decisamente cresciuto negli ultimi anni, includendo, oltra all’Iran e la Russia, il Venezuela, Cuba, la Siria, la Nord Corea, il Guatemala ed altri paesi.

Fonte: Press Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago