ESERCITAZIONI NATO NEI BALCANI, LA PRIMA AZIONE COMUNE DEL “PATTO CONTRO LA SERBIA”

ESERCITAZIONI NATO NEI BALCANI, LA PRIMA AZIONE COMUNE DEL “PATTO CONTRO LA SERBIA”

14 Settembre 2019 0 Di VivereInformati

Un esercitazione militare congiunta, sponsorizzata dalla NATO, “Albanian Power 19”, si svolge sotto il patrocinio della NATO in Albania, e i suoi partecipanti sono precisamente quei paesi della regione che Pristina (Rep. del Kosovo) ha invitato alcuni paesi ,diversi mesi fa ad unirsi contro le politiche della Serbia.

Croazia, Macedonia settentrionale, Montenegro, Bulgaria e il cosiddetto esercito del Kosovo, insieme agli albanesi, si esercitano nella base militare di Biza in Albania sotto l’occhio vigile di istruttori provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Italia, Turchia e Polonia. L’obiettivo principale dell’esercizio, secondo Pristina, è che le cosiddette “forze di sicurezza del Kosovo” aumentino la cooperazione con i partner e possano testare la risposta in tempi di crisi.

Questo è solo il primo passo nella tacita creazione del patto annunciato contro la Serbia, ed è il nome dell’esercizio stesso sintomatico?

Il generale in pensione Vladimir Lazarevic afferma che non c’è dubbio che questo è il primo di una serie di conferme che un patto si sta formando contro la Serbia.

Reparti militari serbi

Sponsor della NATO

“Così, i fratelli si riuniscono in armi, come hanno recentemente affermato a Zagabria per croati e albanesi. E lo sono, e non lo sono, e neanche i loro funzionari, che parlano di tutto in pubblico, non lo nascondono. In questa occasione, il patto viene apparentemente tradotto dall’Albania, che ha raccolto tutti i centri dalla zona circostante. La NATO, d’altra parte, ora supporta ipocritamente il cosiddetto esercito del Kosovo, e inizialmente i suoi funzionari avevano detto che non era il momento per una cosa del genere. Si scopre che la NATO sta sponsorizzando quell’esercitazione congiunta con un esercito non riconosciuto di uno stato non riconosciuto “, sottolinea Lazarevic.

Il generale sottolinea che è chiaro che si tratta di una questione di ipocrisia democratica, poiché la Serbia riceve quotidianamente richieste dai paesi del patto per smettere di fare pressioni per il ritiro del riconoscimento di un Kosovo indipendente.

“Visto il fatto che i paesi della nostra zona stanno facendo quello che stanno facendo, non è difficile concludere quali piani siano stati messi in atto per questo esercizio. La mia ipotesi è che i nostri interessi serbi siano il lato “blu” (pacifico), mentre gli interessi “rossi” (aggressivi) in questo caso sono gli Stati che partecipano all’esercitazione albanese. Questo non va bene, né per le relazioni di buon vicinato né per la sicurezza generale “, osserva la nota generale, aggiungendo che l’esercizio non mette in pericolo il nostro Paese in questo momento.

Una provocazione aperta

“In queste condizioni, il nostro stato dovrebbe continuare a lavorare sul suo interesse. Quindi, sviluppare la cooperazione con tutti e rafforzare le forze di difesa, nonché rispettare le opinioni di altri paesi, ma in modo da non limitare le nostre attività “, raccomanda Lazarevic.

Dopotutto, il nome stesso dell’esercitazione nel senso più lieve possibile è: “provocazione”, conclude il nostro intervistato.

La provocazione è anche creduta tale da Milovan Drecun, il presidente della commissione parlamentare serba per il Kosovo e Metohija, che ha affermato che un esercizio congiunto dell’esercito albanese e delle forze di sicurezza del Kosovo intende intimidire il popolo serbo e afferma che la KFOR dovrebbe rimanere in silenzio.

Il portavoce della KFOR Vicenza Graso ha risposto, affermando che l’esercizio congiunto dell’esercito albanese e delle “forze di sicurezza del Kosovo” ha come scopo di “migliorare le capacità di ricerca e salvataggio su terreni collinari, migliorando così le capacità di salvataggio”.

Fonte: Sputnik Serbian
Traduzione By Giuseppe Sorbello e Biljana Stojanovic